Nuova protesta dei tassisti oggi a Milano sotto il palazzo della Regione. “La crisi si prolunga da mesi. La nostra protesta è necessaria perché chiediamo un intervento della Regione o del Comune di Milano – hanno spiegato -. Il servizio taxi è pubblico e il regolamento è comunale. Aspettiamo agevolazioni fiscali o una sovvenzione“. Centinaia di tassisti si sono radunati dalla mattina sotto Palazzo Lombardia per poi spostarsi sotto il Pirellone. Alcuni colleghi di passaggio sono stati fischiati dai manifestanti. “Siamo dimenticati e alla deriva. Milano è una città di business ma in questo momento è ferma: i turisti non arrivano, gli aeroporti sono ancora chiusi, non si può uscire dalla regione”. A un certo punto, dopo un incontro con le istituzioni, è scoppiata la tensione tra i tassisti con spintoni e parolacce.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Emma Marrone, lo sfogo tra le lacrime in diretta su Instagram: “Era la mia vendetta”

next