“I liguri non saranno le cavie di un governo che improvvisa anche sull’App immuni“. All’indomani dell’annuncio da parte del governo dell’avvio della sperimentazione che in una prima fase partirà, probabilmente dal 5 giugno, in tre regioni, Liguria, Abruzzo e Puglia, arrivano già le prime polemiche. L’assessore alla Sanità e vicepresidente della Liguria, Sonia Viale, critica l’iniziativa del governo che a suo dire sta “tentando di sbolognare il progetto ad alcune Regioni”.

Lunedì è stato pubblicato il codice sorgente che chiarisce il funzionamento dell’applicazione che si appoggia al sistema di tracciamento realizzato da Apple e Google ed è uno dei pilastri della Fase 2 di convivenza con il virus. L’app “sarà disponibile per i primi di giugno”, ha spiegato il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri. Mentre è arrivato anche un primo via libera dal Garante della Privacy, Antonello Soro, che ha approvato la volontarietà e l’assenza di geolocalizzazione.

La vice del governatore Giovanni Toti in Liguria, però, parla di “una sperimentazione che dovrebbe partire a giorni quando ancora non ci sono pareri definitivi e con una serie di quesiti non risolti sollevati addirittura dal Copasir e senza aver informato i medici di medicina generale che saranno protagonisti e coinvolto gli uffici di prevenzione che dovranno sovrapporre il lavoro dell’App Immuni a quello già svolto”. Nel suo post su Facebook, Viale conclude ribadendo: “I liguri saranno le cavie del Governo Pd-Cinque Stelle”.

Lunedì dall’opposizione era arrivata anche la critica del presidente della commissione Telecomunicazioni della Camera, il leghista Alessandro Morelli: “Leggo che alcune Regioni si lanceranno nella sperimentazione dell’app Immuni. Spero sia una svista perché forse non hanno avuto l’occasione di leggere la relazione Copasir. Io non la scaricherò“. Stefano Zanero, professore associato di computer security al Politecnico di Milano, ha spiegato all’Ansa: “Il rilascio del codice sorgente è positivo ma ci vorranno diversi giorni per esaminarlo e dare giudizi“, aggiungendo che “però manca il codice sorgente relativo alla parte del server che gestirà le informazioni sugli infetti, aspettiamo anche quello”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Travaglio su La7: “Il vero problema della magistratura è che ci sono pochi giudici che hanno il coraggio di fare processi al potere”

next
Articolo Successivo

Open Arms, Riccardi (M5s): “Autorizzazione per Salvini? Ho votato ‘no’ secondo coscienza”. Giarrusso: “Smentisco mio passaggio alla Lega”

next