Sarà il primo 23 maggio senza persone attorno all’Albero Falcone in via Notarbartolo a Palermo ma a ricordare Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti Vito Schifani Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, ammazzati dalla mafia nella strage di Capaci compiuta 28 anni fa, saranno centinaia di ragazzi e bambini, decine di scuole che hanno organizzato iniziative in rete. Per via dell’emergenza sanitaria non ci saranno i tradizionali incontri della “Nave della Legalità” che, ogni anno, porta a Palermo da tutta Italia migliaia di studenti, né il convegno nell’aula bunker dell’Ucciardone e i cortei, ma sarà comunque una giornata fitta di appuntamenti.

La giornata – La trasmissione “Uno Mattina in famiglia” condurrà un racconto che si muoverà tra passato e presente grazie alla voce narrante del professor Nando dalla Chiesa. Nella mattinata verrà rivissuto virtualmente il viaggio che la ‘Nave della Legalità’ ogni anno ha fatto salpando da Civitavecchia e raggiungendo Palermo con a bordo migliaia di ragazzi. Quest’anno la Nave Splendid della Snav, usata tradizionalmente per questo evento, è stata trasformata in ospedale galleggiante per gli ammalati di Covid-19. Verranno raccolte le testimonianze delle scuole che hanno partecipato negli anni scorsi al viaggio e i racconti di docenti e studenti che, nonostante l’emergenza, hanno proseguito la didattica da remoto, dimostrando che la scuola non si è fermata e ha reagito con coraggio e impegno.

Nel pomeriggio nel corso della trasmissione “ItaliaSì”, verranno ricordati gli agenti caduti a Capaci e in via D’Amelio con la deposizione di una corona di fiori presso il reparto scorte della caserma “Lungaro” di Palermo, a cui prenderà parte Tina Montinaro, moglie di Antonio, il capo scorta del giudice Falcone. Alle 17.58, come ogni anno, ma stavolta senza la partecipazione dei cittadini, ci sarà il tradizionale momento del silenzio sotto l’Albero Falcone, suonato da un trombettista della Polizia di Stato.

Tra le iniziative promosse dalla Fondazione anche “Palermo chiama Italia al balcone”: Renzo Arbore, Lino Banfi, Elena Sofia Ricci, Marco D’Amore, Carlo Conti, Ficarra e Picone, i Sansoni, i The Jackal, Luca Argentero, Cristiana Capotondi, Massimo Poggio, Roberto Lipari, Salvo Piparo, esponenti dell’antimafia, i segretari generali di Cisl e Cgil Furlan e Landini hanno invitato i cittadini ad appendere un lenzuolo bianco alle loro case.

Le iniziative nelle scuole – Gli studenti della “De Amicis” di Palermo si incontrano sul web dove saranno raccolte le produzioni grafico-pittoriche, le riflessioni personali, le rappresentazioni di danza e i lavori musicali realizzati dai ragazzi. A Trieste il liceo “Galileo Galilei” ha realizzato un video insieme all’associazione “Libera”. A Milano alla scuola primaria “Casa del sole” per il ventottesimo anniversario della strage di Capaci, gli alunni e le alunne intervisteranno sulla piattaforma usata per le ore di dad un esponente dell’associazione Libera e, soprattutto, scriveranno delle poesie su Giovanni Falcone che saranno appese all’albero Falcone di via Notarbartolo, a Palermo, grazie a una maestra che in questo periodo si trova nel capoluogo siciliano.

Sempre nel capoluogo lombardo, il “Coordinamento milanese per la legalità e la cittadinanza attiva” ha lanciato “Volti della memoria” chiedendo ai ragazzi di recarsi, da soli, all’albero di via Benedetto Marcello e lì farsi una foto mentre reggono un foglio in mano su cui abbiano scritto una parola che esprime il loro ricordo di Falcone con l’hashtag lanciato da Libera #sullenostregambe. A Vercelli, l’istituto “Ferraris” ha deciso proprio in questa occasione di gemellarsi con l’istituto comprensivo “Alpi-Levi” di Scampia. A Mediglia l’istituto comprensivo intitolato a Emanuela Loi, l’agente di scorta del giudice Paolo Borsellino, ha deciso di rilanciare l’appello della Fondazione “Falcone” ad appendere un lenzuolo ai balconi. Da ricordare anche che il 23 maggio, alle ore 21, si accenderanno le luci sui massi dell’installazione di Land art dell’artista Ettore De Conciliis, in occasione della giornata della legalità.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, rinviata per difetto di notifica l’udienza su Pasquale Zagaria: la mente economica dei Casalesi resta ai domiciliari

next
Articolo Successivo

Giovanni Falcone, in edicola il libro “Per questo mi chiamo Giovanni”. Grasso: “Per una coincidenza, il 23 maggio 1992 non ero con lui”

next