La pandemia di Sars-Cov-2 colpisce tutti ma le condizioni che devono affrontare più di 70 milioni di persone costrette alla fuga da guerre, carestie e crisi socio-economiche sono estreme. Per fornire un aiuto concreto ai rifugiati e agli sfollati nel mondo l’Unhcr ha lanciato un nuovo appello mirato dal titolo “Emergenza senza confini, solidarietà senza confini” per raccogliere 745 milioni di dollari. L’obiettivo dell’iniziativa internazionale è quello di contrastare la diffusione del Covid-19 nei 70 tra i paesi più vulnerabili del pianeta. “L’80% degli oltre 70 milioni di rifugiati e sfollati vive in paesi poveri, con strutture sanitarie deboli” afferma la portavoce dell’Unhcr per l’Italia, Carlotta Sami. “Alcuni fra questi paesi sono già colpiti duramente da conflitti, fame, povertà e malattie. Moltissime fra le persone costrette alla fuga vivono in aree urbane densamente popolate o campi, all’interno dei quali spesso non ci sono strutture sanitarie, condizioni igieniche e sistemi di protezione adeguati. Ma l’impatto catastrofico del Covid-19 non è solo sanitario, è anche economico – aggiunge – molte persone non hanno più nessun introito necessario per sopravvivere”.

Secondo le Nazioni Unite a questa situazione estrema si aggiunge la previsione che nei Paesi più poveri il picco non sarà raggiunto prima dei prossimi tre-sei mesi. La zona a più alto rischio è soprattutto quella del Sahel, “una regione fortemente instabile e poverissima, nella quale i gruppi armati continuano a compiere devastazioni, aggredendo allo stesso modo polizia e militari, civili, scuole, ambulatori, insegnanti e personale sanitario” dice l’Agenzia Onu per i rifugiati. “I sistemi sanitari in paesi quali il Niger o il Burkina Faso sono molto fragili e i nostri aiuti arriveranno soprattutto a loro ma non solo”. Ma a livello mondiale chi sono i soggetti che verranno maggiormente aiutati? Si tratta di donne, anziani e bambini, soprattutto i minori non accompagnati, e le persone LGBTI sono le più a rischio di povertà e sfruttamento. In Africa e in Medio Oriente, centinaia di migliaia di rifugiati non hanno più nessuna fonte di reddito per la loro sopravvivenza a causa del lockdown. In Libano, ad esempio, quasi il 70% dei rifugiati assistiti da UNHCR è costretto a saltare i pasti, essendo impossibilitati a svolgere i lavori cosiddetti a giornata per via del lockdown.

Ecco il video appello dell’Alto Commissario Filippo Grandi che tutti possono sostenere donando sul sito unhcr.it.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la relazione del ministero sulla strage dei nonni in Calabria: a Chiaravalle strutture inadeguate e Regione poco presente

next
Articolo Successivo

Gpa, il caso dei neonati bloccati in Ucraina riapre il dibattito. Ma attenzione ai pregiudizi

next