Esattamente 42 anni fa, il 22 maggio, veniva approvata la Legge 194, che riconosce alle donne il diritto di decidere se terminare o portare avanti una gravidanza senza dover essere perseguite per legge: fino a quella data, infatti, l’interruzione volontaria di gravidanza era un reato. La battaglia per la 194 – portata avanti, in particolare, da Adele Faccio e dalla radicale Emma Bonino – era una battaglia per il diritto di scelta, ma anche per il diritto alla sicurezza e alla salute: per abortire con la necessaria assistenza medica, non in un sottoscala. Una battaglia che, avvertono le associazioni, non è ancora conclusa: in questi mesi di lockdown, tra reparti chiusi, mancanza di servizi per l’orientamento e ritardi, interrompere la gravidanza è stato difficoltoso per molte donne.

L’associazione Luca Coscioni ha comunicato di aver ricevuto circa 33 richieste di aiuto al giorno da parte di donne che cercavano informazioni: “Nonostante l’interruzione di gravidanza abbia sempre un carattere d’urgenza e rientri nelle prestazioni inderogabili anche secondo il decreto del Ministro della Salute, alcuni ospedali stanno riducendo, altri sospendendo, gli accessi alle pratiche per l’aborto, senza fornire chiare informazioni, con enormi differenze da regione a regione”.

“Da testimonianze dirette apprendiamo che, troppo spesso, l’accesso all’IVG è negato o reso difficile da percorsi ad ostacoli – dichiarano Filomena Gallo e Mirella Parachini (Ass.Luca Coscioni), Anna Pompili (AMICA) e Sara Martelli (coordinatrice Aborto al Sicuro) – Ad ogni anniversario della legge che disciplina il ricorso all’interruzione volontaria di gravidanza, emerge la mancanza di volontà politica nell’applicazione di questa norma che ha avuto il merito di evitare gravi danni alla salute delle donne”. Poi spiegano che è impossibile guardare ai dati perché “il ministro della Salute Roberto Speranza non ha ancora depositato la relazione al parlamento sulla 194, siamo fermi ai dati relativi al 2017, e neppure il Ministro di Grazia e Giustizia ha inteso presentare una relazione prevista dalla stessa legge 194, in questo caso siamo fermi al 2016″.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Il carcere al tempo del Coronavirus’: la situazione dietro le sbarre resta critica

next
Articolo Successivo

Aborto, attiviste in piazza a Milano per la piena applicazione della legge 194: “Mancano fondi ai consultori e campagne di informazione”

next