Il gruppo SD Association, l ‘organizzazione senza scopo di lucro che comprende oltre 1000 aziende del settore e stabilisce gli standard delle schede di memoria, ha appena annunciato una vera e propria rivoluzione pensata principalmente per i professionisti: il nuovo standard SD 8.0 per le schede SD Express. Questa tecnologia consentirà agli utenti di poter trasferire dati con una velocità di quasi 4 GB al secondo. Si tratta di un balzo in avanti sostanzioso se si pensa che la versione 7.1 dello standard, aggiornamento della 7.0 introdotta nel 2018, raggiunge una velocità massima di 985 MB/s, circa quattro volte inferiore.

SD Association ha infatti comunicato che il nuovo standard consente un trasferimento di ben 3938 MB al secondo, utilizzando le interfacce NVMe e PCIe 4.0, comuni specialmente nelle unità a stato solido, al posto della PCIe 3.1 della versione 7.1. Le schede SD di questa tipologia aiuteranno soprattutto i professionisti che si occupano di foto e video. Basti pensare che, con i continui rinnovamenti tecnologici, non sono rari i video 8K che occupano parecchio spazio. I video maker potranno ora traferire file in pochi istanti grazie a SD 8.0.

Il nuovo standard sarà disponibile nelle schede di memoria DHC, SDXC e SDUC. Per il momento, schede SD di questa tipologia non sono ancora disponibili: bisognerà attendere che i produttori inizino a implementare lo standard. Le nuove schede però manterranno come sempre una totale retrocompatibilità con i lettori di schede SD conformi alle specifiche precedenti, sebbene ovviamente utilizzare le nuove schede con vecchi dispositivi significhi ovviamente rinunciare alle prestazioni aggiuntive.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘San Raffaele, abbiamo hackerato i vostri archivi’: online dati e password dei pazienti. La denuncia dei pirati su Twitter passa inosservata – Replica

next
Articolo Successivo

Razer Opus: in arrivo le nuove cuffie con cancellazione dei rumori e certificazione THX

next