“Il primo settembre le scuole a Milano rischiano di ripartire senza insegnanti”. È questo l’allarme lanciato dai sindacati confederali della scuola che oggi hanno manifestato davanti a Palazzo Marino. “Ad oggi non ci sono graduatorie utili per candidati stabilizzabili – spiega Jessica Merli, Flc Cgil Scuola – quindi ogni volta che si deve ricorrere ai precari si deve fare una procedura molto lunga per chiamarli”. Il rischio secondo i sindacati è quello di “far entrare un servizio gli insegnanti molto tardi, dalla fine di settembre in avanti”. Alla maggioranza di governo chiedono di far passare gli emendamenti che prevedono “procedure semplificate dei concorsi”. Niente quiz, ma “concorsi per soli titoli con un’assunzione prova in servizio. Solo così si riuscirebbe a partire a settembre con i docenti e in sicurezza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Frasi sessiste nel libro delle medie: un grave orrore che non andava fatto!

next
Articolo Successivo

La didattica a distanza discrimina i ragazzi disabili. I numeri certificano il disastro

next