“Il primo settembre le scuole a Milano rischiano di ripartire senza insegnanti”. È questo l’allarme lanciato dai sindacati confederali della scuola che oggi hanno manifestato davanti a Palazzo Marino. “Ad oggi non ci sono graduatorie utili per candidati stabilizzabili – spiega Jessica Merli, Flc Cgil Scuola – quindi ogni volta che si deve ricorrere ai precari si deve fare una procedura molto lunga per chiamarli”. Il rischio secondo i sindacati è quello di “far entrare un servizio gli insegnanti molto tardi, dalla fine di settembre in avanti”. Alla maggioranza di governo chiedono di far passare gli emendamenti che prevedono “procedure semplificate dei concorsi”. Niente quiz, ma “concorsi per soli titoli con un’assunzione prova in servizio. Solo così si riuscirebbe a partire a settembre con i docenti e in sicurezza”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Frasi sessiste nel libro delle medie: un grave orrore che non andava fatto!

next
Articolo Successivo

La didattica a distanza discrimina i ragazzi disabili. I numeri certificano il disastro

next