“Oggi qui si discute di quale politica per la giustizia serva all’Italia. Se la continuità del governo dovesse significare la continuità della politica della giustizia praticata da Bonafede inviterei tutti a considerare che l’Italia non ne avrebbe nessun giovamento“. Lo dice nell’Aula del Senato, Emma Bonino, di +Europa,illustrando la propria mozione di sfiducia individuale nei confronti del Guardasigilli, definendolo “ministro del sospetto”.

“Pensiamo che la giustizia sia una istituzione di garanzia di tutti i cittadini e non strumento di lotta politica o di moralizzazione civile”, sostiene, sottolineando di aver intitolato la sua mozione a Enzo Tortora “come scelta di una idea di giustizia rispetto ad un’altra. Per noi la giustizia non coincide con le manette come per Bonafede”, conclude.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La febbre da spiaggia di Jole Santelli mi ricorda i climatizzatori della Lezzi

next
Articolo Successivo

Una signora ferma Conte fuori dal Senato: “Ha saputo tenere tutti a bada”. E lui: “Ognuno ha fatto il suo ma ora non è il tempo della movida”

next