“Oggi qui si discute di quale politica per la giustizia serva all’Italia. Se la continuità del governo dovesse significare la continuità della politica della giustizia praticata da Bonafede inviterei tutti a considerare che l’Italia non ne avrebbe nessun giovamento“. Lo dice nell’Aula del Senato, Emma Bonino, di +Europa,illustrando la propria mozione di sfiducia individuale nei confronti del Guardasigilli, definendolo “ministro del sospetto”.

“Pensiamo che la giustizia sia una istituzione di garanzia di tutti i cittadini e non strumento di lotta politica o di moralizzazione civile”, sostiene, sottolineando di aver intitolato la sua mozione a Enzo Tortora “come scelta di una idea di giustizia rispetto ad un’altra. Per noi la giustizia non coincide con le manette come per Bonafede”, conclude.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La febbre da spiaggia di Jole Santelli mi ricorda i climatizzatori della Lezzi

next
Articolo Successivo

Una signora ferma Conte fuori dal Senato: “Ha saputo tenere tutti a bada”. E lui: “Ognuno ha fatto il suo ma ora non è il tempo della movida”

next