Non è ancora del tutto deciso, ma è certo che bar e ristoranti a Torino non riapriranno il 18 maggio. La sindaca, Chiara Appendino, durante “L’intervistata da Maria Latella” su SkyTg24, ha rassicurato: “Apriranno nei giorni successivi, è solo per dare la possibilità ai gestori di metterli in sicurezza”. Appendino ha detto anche di averne già parlato con il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio. E, per continuare a mantenere le misure di stanziamento sociale, anche Torino punta sempre di più sulla mobilità sostenibile. “Prevediamo circa 100 chilometri da dedicare a biciclette e monopattini”, ha aggiunto la sindaca.

Uno degli obiettivi, dice la sindaca, è quello di rendere gratuiti i dehor per bar e ristoranti e una procedura velocissima per ottenere lo spazio pubblico tramite un’autocertificazione, in modo che possano avere minori costi e più spazi. “Bisogna dare fiducia alle nostre imprese – ha sottolineato Appendino – altrimenti è difficile che possano riaprire”.

Il trasporto pubblico è una grande sfida, ha ammesso la sindaca, “sarà molto difficile per tutte le città garantire il servizio che c’era prima con la diminuzione della capienza dei bus per i distanziamenti”. Per questo la città ha deciso di investire ancora di più su una mobilità sostenibile: “Ma non è una guerra tra ciclisti e automobilisti, solo che noi non possiamo immaginare che tutti usino l’auto privata, sia per il traffico sia per l’ambiente”.

Bene il reddito di emergenza, così come è stato impostato, ha detto la sindaca Appendino, ma servono ulteriori strumenti. Dopotutto, “dal lavoro fatto sui buoni spesa è emersa una nuova fascia di povertà, persone che dall’oggi al domani si sono trovate senza reddito e questo ha fatto emergere la necessità di nuovi strumenti di welfare. “Alla Regione Piemonte abbiamo chiesto i contributi agli affitti per quelle famiglie che sono in fasce di povertà, che oggi hanno un reddito ma che hanno perso in questi mesi e che se non verranno aiutate entreranno in una fascia di povertà assoluta“, ha aggiunto la sindaca di Torino.

Appendino ha anche ricordato che “servono le risorse per garantire i servizi essenziali e accompagnare le nostre comunità in questo momento difficile, per le fragilità e le povertà che stanno aumentando. Oggi su un bilancio di 1,2 miliardi mancano 280 milioni, e serviranno procedure più veloci per poter spendere questi soldi”. Al governo sono richieste, quindi, più risorse e procedure più snelle, “perché se i Comuni non hanno le risorse per garantire i servizi essenziali, le città rischiano di diventare bombe sociale“, ha sottolineato la sindaca.

La sindaca di Torino non perde la fiducia nel presidente del Consiglio, Giuseppe Conte: “Il presidente Conte va sostenuto, c’è bisogno di un governo che continui ad affrontare la difficile situazione attuale. Il presidente Conte ha messo davanti gli interessi del Paese rispetto a quello del consenso e credo che questo gli vada riconosciuto“.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Porro al sindaco di Forte dei Marmi: “Chiudi ai turisti? Chi cazzo ti paga lo stipendio?”. Il primo cittadino: “Lo dono da 3 anni a famiglie in crisi”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Appendino: “Le città rischiano di diventare bombe sociali, chiediamo più risorse”

next