“Un attacco sconvolgente contro madri e neonati”. Medici senza frontiere è intervenuta per condannare l’attentato di martedì 12 maggio all’ospedale di Dasht-e-Barchi a Kabul in Afghanistan. “Un insensato atto di vile violenza nel nostro reparto di maternità”. L’attacco, continua l’organizzazione, “è durato diverse ore con una serie di esplosioni e di spari” e proprio “mentre donne incinte e neonati cercavano cure mediche, in uno stato tra i più vulnerabili nella vita”.

A rivendicare l’attentato, nel quale sono morte almeno 16 persone, è stato lo Stato islamico nel Khorasan. “L’attacco è costato la vita a molte persone. Piangiamo la perdita di diversi pazienti e abbiamo indicazioni che almeno un collega del nostro staff locale afghano è stato ucciso“. Durante l’attentato, ha precisato ancora l’organizzazione, una donna ha dato alla luce il suo bambino ed entrambi stanno bene. Al momento, tutte le attività mediche nella maternità nell’ospedale sono state temporaneamente sospese: i pazienti sono stati evacuati negli ospedali vicini e il personale è stato messo in salvo.

Solidarietà è arrivata anche dal direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus: “Mentre il mondo celebrava le infermiere, sono rimasto scioccato e sconvolto nel sentire dell’attacco”. E anche Save the children è intervenuta per condannare l’attentato definendolo “brutale”: “I neonati e le donne in travaglio sono stati uccisi a sangue freddo. È stato un attacco subdolo, vile e calcolato contro donne, bambini e operatori sanitari. I nostri pensieri sono con le famiglie delle vittime”, ha dichiarato Timothy Bishop, direttore in Afghanistan per Save the Children.

Non è la prima volta che Msf perde qualcuno del proprio staff, ricorda l’ong: dal 2004 al 2009 l’onlus ha interrotto l’attività in Afghanistan, iniziata nel 1980, dopo l’uccisione di cinque membri di Msf nella provincia di Badghis. Il reparto di maternità da 55 posti letto nell’ospedale Dasht-e-Barchi è stato aperto nel 2014: dall’inizio dell’anno, le equipe dell’organizzazione non governativa ha aiutato a nascere 5.401 bambini, 524 di loro sono stati curati nell’unità neonatale perché in condizioni critiche. Nel 2019, l’onlus ha portato avanti sette progetti in sei province del paese, effettuando oltre 100.000 visite ambulatoriali, assistendo oltre 60.000 parti ed effettuando quasi 10.000 interventi chirurgici.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Russia sospende ventilatori Aventa-M dopo che hanno preso fuoco: stesso modello donato all’Italia

next
Articolo Successivo

Ue, la Corte di Giustizia: “Liberare subito i migranti al confine tra Serbia e Ungheria”

next