“Le attività commerciali rimaste aperte durante il lockdown sono obbligate a esporre un certificato che attesta che i lavoratori non hanno il coronavirus e hanno fatto il tampone”. È l’ordinanza del sindaco di Benevento, Clemente Mastella: una sorta di bollino “Covid free” per quei negozi, in particolare alimentari, che non si sono fermati negli ultimi mesi. “Sì, e sa perché? Qualcuno ha tentato di fare il furbo e ho agito di conseguenza”.

A Benevento infatti partiranno in settimana gli screening delle categorie più a rischio, forze dell’ordine, medici di base, infermieri, farmacisti e ovviamente titolari e dipendenti di supermercati e alimentari: “Ma mi è arrivata voce che qualcuno tra i commercianti non volesse fare il tampone – spiega l’ex ministro – per la paura che in caso di positività poi gli venga chiuso il negozio. Innanzitutto non è così, non è detto che si debba per forza fermare l’attività e poi visto che in questo momento non si possono tollerare furberie che sono totalmente irresponsabili ho optato per questa scelta del certificato. Voi non fate i tamponi? Io vi obbligo a esporre il certificato”.

E dunque all’entrata di macellerie, panetterie, supermercati ma anche rivendite di tabacchi dovrebbe essere esposto il documento che testimonia di aver fatto il tampone e che questo è risultato negativo: “Già ho dato mandato ai vigili di controllare e di essere severi: trovo assolutamente irresponsabile rifiutare di fare il tampone e mettere a rischio gli altri”.

La città campana con meno di 200 casi è una delle province meno colpite d’Italia, al netto di un focolaio esploso a marzo in una casa di cura del capoluogo, con oltre 70 contagi solo tra personale e pazienti, ma il primo cittadino è tutt’altro che tranquillo: “Abbiamo visto che un funerale qui vicino (a Campobasso) ha portato 70 contagi e 2 persone sono della nostra provincia: non bisogna considerare tutto finito, non è finito nulla e lo voglio dire in maniera forte. Certificare che al supermercato o dal panettiere non ci siano casi di Covid rende tutti più tranquilli”. Una scelta condivisa dalle associazioni di categoria: “Siamo d’accordo col sindaco – dice il segretario provinciale di Confcommercio, Nicola Romano – i tamponi vanno fatti per la tranquillità di clienti ed esercenti e dunque da parte nostra non c’è nessuna contrarietà a esporre il certificato richiesto”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il numero dei positivi scende sotto 80mila. In leggero aumento le vittime: 195 in 24 ore. Calano ancora i ricoveri

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la rsa di Milano con zero contagi pensa alla ripartenza. “Termoscanner e parenti contingentati”

next