Quante bugie diciamo ogni giorno?
Quanti bugiardi abbiamo scoperto?
Sulle mascherine dice bugie il commissario Domenico Arcuri, che afferma che ci sono e pure in abbondanza, o i farmacisti e i loro distributori che affermano il contrario?

E sui migranti da regolarizzare? È bugiardo chi pensa che solo togliendoli dalla clandestinità si dà a loro la possibilità di un salario decente e una vita dignitosa, oppure chi spiega, come la Lega e i Cinquestelle, che in questo modo si procurerebbe un danno al lavoro degli italiani?

È bugiardo Giuseppe Conte, il Presidente del Consiglio, quando dice che lui fa? Oppure l’opposizione quando lo accusa che lui dice soltanto?
Nella lotta alla bugia di Stato gli italiani hanno la possibilità di guardarsi allo specchio e di interrogarsi però anche sulle proprie.
A tutto ciò che facciamo finta di non vedere, ai vantaggi ingiusti che otteniamo profittando della babele, alle regole che vorremmo fossero scritte solo per gli altri e alle deroghe che invece invochiamo per la nostra coscienza.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Silvia Romano, l’Italia si conferma spietata con i deboli e remissiva con i delinquenti

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Conte e gli artisti. Il premier poteva dire meglio? Sì, ma la critica è strumentale

next