Silvia Romano è tornata a casa. Dopo 18 mesi di prigionia e alcune ore passate nel compound Onu a Mogadiscio, la ragazza, 25 anni, è atterrata alle 14 a Ciampino ed è scesa dall’aereo vestita con il “jilbab”, l’abito tradizionale somalo, di colore verde. Indossava anche guanti monouso azzurri e mascherina, che si è tolta per mostrare il sorriso e salutare. Lunghissimo l’abbraccio con i familiari che l’hanno attesa sulla pista dello scalo romano. “Sto bene per fortuna, fisicamente e mentalmente, sono felicissima, ora voglio stare solo con la mia famiglia”, ha detto appena arrivata. Ad accoglierla anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, che l’hanno salutata toccandosi i gomiti, come imposto dalle regole anti-Covid.

Conte: “Eravamo in dirittura finale da mesi” – “Queste sono operazioni che necessitano il massimo riserbo. C’era stata la prova in vita. Eravamo in dirittura finale da qualche mese, ma abbiamo mantenuto il massimo riserbo su queste notizie”, ha spiegato il premier sottolineando che la liberazione della cooperante milanese è “un segnale che lo Stato c’è in questo momento di grande difficoltà. Risultati come la sua liberazione, ha aggiunto, “si ottengono solo c’è abnegazione, in particolare dell’Aise”, ma il suo grazie è andato “anche alla Farnesina e all’Unità di crisi, al ministro Di Maio, all’autorità giudiziaria”. “Quando lavoriamo insieme coesi, concentrati, ce la facciamo sempre – ha concluso – È un bel giorno, sono molto contento per Silvia, per i suoi genitori e per tutti gli italiani che hanno atteso questo momento”.

L’interrogatorio sul rapimento – La ragazza, che era stata rapita il 20 novembre 2018 in un piccolo villaggio del Kenya dove lavorava come cooperante, dopo essere stata sottoposta al test per il coronavirus già in aeroporto, è stata trasportata nella caserma del Ros per l’interrogatorio, condotto dal pm Sergio Colaiocco e gli ufficiali dell’antiterrorismo che in questi mesi hanno svolto le indagini. Gli inquirenti vogliono ricostruire con la cooperante italiana le varie fasi del sequestro.

I temi per gli investigatori – Al centro i momenti di quando fu prelevata dai rapitori, la sua conversione all’Islam – di cui lei stessa ha parlato agli 007 – e le fasi del rilascio con l’ipotesi del pagamento di un riscatto. Sul suo rapimento i magistrati di piazzale Clodio hanno avviato una indagine che nei mesi si è avvalsa delle collaborazione sia delle autorità kenyote che di quelle somale. Per chi indaga la prima fase del sequestro è stata gestita da una banda composta da 8 persone che avrebbe poi ceduto la ragazza a gruppi islamisti legati a Al Shabaab in Somalia.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, via libera alle chiamate per i test sierologici: pronto il call center della Croce Rossa. “Per le persone fragili prelievo a casa”

next
Articolo Successivo

Silvia Romano, le prime parole della cooperante: “Sto bene fisicamente e mentalmente. Ora voglio stare un po’ di tempo con la mia famiglia”

next