Correre si può, ma bisogna tenere la mascherina? I parchi sono aperti, ma si può fare yoga o pilates, anziché camminare? Chi ha una casa al mare può andarci? Dopo l’ingresso nella Fase 2, il governo ha chiarito alcuni punti che sono stati oggetto di discussione in questi giorni nella sezione “domande frequenti”. Fermo restando che ogni Regioni o Comune procede in modo diverso per alcune questioni, come quella dell’accesso in spiaggia e del soggiorno nelle seconde case, in base alle esigenze del proprio territorio. Ecco una breve guida pratica per il tempo libero.

1 Posso fare una passeggiata? La sezione “domande frequenti” del sito del governo specifica che le passeggiate “sono ammesse solo se strettamente necessarie a realizzare uno spostamento giustificato”. Quindi nel tragitto verso la farmacia, il supermercato o il luogo di lavoro. In linea generale, tutte le città che hanno riaperto i parchi consentono di camminare, oltre che correre, in quanto rientra nell’attività motoria. A patto di essere soli, o comunque sempre ben distanziati.

2 Si può fare yoga o ginnastica all’aperto? Sì, se l’attività viene svolta individualmente in aree o parchi pubblici. Bisogna mantenere una distanza di almeno due metri da chiunque altro, e non formare capannelli né prima né dopo. La Puglia ha fatto un ulteriore passo in avanti, autorizzando “gli sport amatoriali e individuali all’aria aperta” quindi anche golf, vela, pattinaggio, tennis, equitazione, surf, motociclismo e tiro con l’arco.

3 Posso andare in palestra? No, se non si è atleti professionisti: gli impianti sportivi restano chiusi al pubblico. Gli allenamenti individuali sono consentiti solo a porte chiuse, ma con delle regole: uno alla volta negli spogliatoi e due metri di distanza da rispettare sempre, anche con il proprio allenatore.

4 Posso andare a pesca? Salvo diversa indicazione della Regione in cui ci si trova, la pesca sportiva rientra nell’ambito delle attività consentite, così come la canoa e il kayak. Sempre, ovviamente, se individuali e rispettando tutte le norme igieniche.

5 Posso fare un pic-nic all’aperto? No. Allontanarsi da casa per raggiungere le aree verdi è permesso solo per l’attività motoria o per allenarsi. Non per attività “ludico-ricreative”, specialmente se comportano raggruppamenti di persone (sempre vietati).

6 Quando devo mettere la mascherina? Per tutti, l’obbligo scatta nei luoghi chiusi accessibili al pubblico (inclusi i mezzi di trasporto e i negozi) e in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza. Vale anche per le visite ai parenti e per tutte le situazioni che coinvolgano la presenza di più per tutte. In alcune Regioni però c’è l’ulteriore obbligo di indossarle ogni volta che si esce da casa, come in Toscana, in Lombardia, Friuli-Venezia Giulia, in Calabria e a Bolzano. Il ministero della Salute precisa che sono esclusi dall’obbligo i bambini al di sotto dei sei anni e i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina.

…anche quando si corre? Questa è una delle questioni più discusse: correre con le vie respiratorie coperte non solo è scomodo, ma affatica molto di più. La regola base è di mantenere due metri di distanza dagli altri runner o da chi si incrocia lungo la strada. Scegliendo un posto isolato, quindi, si riducono i rischi per sé o per gli altri. Ma che succede in quelle Regioni in cui è obbligatorio indossarle anche all’aperto? In Lombardia lo ha chiarito un’ordinanza firmata dal governatore Fontana: esiste “l’obbligo di indossare la mascherina (o copertura alternativa di bocca e naso) non durante, ma prima e dopo l’attività sportiva, in ogni caso facendo la massima attenzione a non incrociare altre persone”. Quindi si può correre senza, ma bisogna indossarla prima (per esempio nel tragitto da casa al parco) e rimetterla subito dopo.

7 Posso andare in bicicletta? L’uso della bicicletta è consentito per raggiungere la sede di lavoro, il luogo di residenza o i negozi che proseguono l’attività di vendita. È inoltre consentito utilizzare la bicicletta per svolgere attività motoria all’aperto.

8 Posso fare il bagno al mare? Sulla questione spiaggia, ogni Regione segue una propria linea: in Emilia Romagna, ad esempio rimane il divieto di accesso anche per chi abita al mare. Aperte nelle Marche (tranne quelle del capoluogo), ma solo per passeggiare o fare sport. Chiuse le spiagge di Ostia e di Bari ancora per una settimana.

9 Posso chiamare una baby sitter? Sì: rispettando tutte le dovute precauzioni, badanti, baby-sitter e collaboratrici domestiche possono continuare a prestare servizio, anche se non sono conviventi con il nucleo familiare.

10 Posso andare nella seconda casa? Anche su questo punto ogni Regione ha dato indicazioni diverse ai propri residenti: in Sicilia ci si può trasferire, a condizione che non si faccia avanti e indietro. In Puglia si può andare, ma solo il tempo necessario ai lavori di manutenzione. Via libera anche in Sardegna, ma solo in giornata, senza restare a dormire. Stesso limite per chi abita in Emilia Romagna, purché si resti nell’ambito della stessa provincia: si vada da soli e si torni in giornata.

11 Posso andare al cimitero? Sì, è consentito spostarsi nell’ambito della propria regione per far visita nei cimiteri ai defunti, sempre nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro e del divieto di assembramento.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, anche la Aita Mari bloccata in porto a Palermo dopo ispezione della Guardia costiera: “Irregolarità tecniche e operative”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, denunciò le scarse protezioni per gli operatori dell’ospedale di Pontremoli: procedimento disciplinare contro infermiere

next