“Sono stati mesi duri per noi, ma oggi il ritorno del mercato è vitale per noi”. Il signor Gianni gestisce il banco del pollo allo spiedo al mercato di Niguarda. Dopo due mesi di stop, oggi è tornato a montare il suo banco insieme ai colleghi di altri ventiquattro mercati rionali di Milano. Un ritorno alla normalità con le dovute accortezze. Banchi distanziati e mercati recintati con un solo varco di ingresso e uscita per ogni mercato. All’entrata, i varchi sono presidiati da un covid manager e in alcuni casi dai colleghi del settore non alimentare che dovranno aspettare ancora qualche settimana per poter riaprire. Possono entrare solo due persone per ogni banco presente nel mercato, con guanti e mascherina. Al mercato di via Osoppo a San Siro si controlla anche la temperatura e fin da subito si crea una coda di un centinaio di metri: “Vedere le code al supermercato mentre noi eravamo costretti a stare chiusi è stata come una pugnalata al cuore” prosegue Gianni mentre fa arrostire i polli. Tra i clienti c’è anche la signora Anna, ultrasettantenne, che esce oggi di casa per la prima volta dal tre di marzo. Si è fatta portare la spesa a casa dal suo verduriere: “Questo è il mio mercato, rispetto ai supermaket, qui c’è molta più umanità”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Angelo Scala, sesso in cambio di esami: sospeso professore della Federico II. In passato era stato il legale di Maradona

next
Articolo Successivo

Ponte Genova, i primi passi sul nuovo viadotto: ecco com’è l’opera realizzata in meno di 2 anni

next