Si allargano – di poco – le maglie per poter accedere alla sospensione delle rate del mutuo prima casa se ci si trova in difficoltà a causa dell’emergenza coronavirus. Il ministero dell’Economia ha messo a disposizione il nuovo modulo per la richiesta, aggiornato come previsto dalla conversione in legge del decreto cura Italia. Finora la misura è stata un flop: solo 42.500 le domande, stando agli ultimi dati del Tesoro, a fronte degli almeno 300mila beneficiari tra i dipendenti e 235mila tra gli autonomi ipotizzati dalla relazione tecnica.

In base alla nuova normativa, ricorda il ministero in una nota, vengono ammessi alla sospensione mutui di importo fino a 400.000 mila euro (la soglia precedente era 250.000 euro) e anche quelli concessi per il tramite del Fondo di garanzia per l’acquisto dei mutui prima casa gestito da Consap.

Non ci sarà alcuna variazione sulle procedure di inoltro delle richieste né sugli altri requisiti già previsti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cura Italia, come chiedere alla banca l’anticipo della cassa integrazione. Soldi non prima di maggio, occhio all’obbligo di garanzia

next