A due mesi dall’inizio dell’epidemia, Giuseppe Conte ha fatto visita nella provincia più colpita dal coronavirus, cioè Bergamo. In città il presidente del Consiglio ha incontrato, tra gli altri, il sindaco del capoluogo Giorgio Gori e il neo prefetto Enrico Ricci. “Cosa risponde a chi vi contesta di non aver fatto la zona rossa nella Bergamasca?“, chiede un giornalista al capo del governo nel cortile di Palazzo Frizzoni, sede del Comune. “La situazione”, ha risposto, “era così grave che abbiamo deciso di fare una zona rossa in tutta la Lombardia”. “Non avete fatto una zona rossa, ma arancione. Perché le attività produttive sono rimaste aperte”, ha replicato a Conte un’altra giornalista. Lui, come si vede nel video girato dalla testata online ValserianaNews, ha tagliato corto: “Se domani avrà responsabilità di governo, scriverà lei i decreti”.

Video ValserianaNews/Gessica Costanzo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fase 2, per la prima volta Conte sembra perdere la fiducia degli italiani. Ma una cosa non si può negare

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Piepoli: “Maggioranza italiani finora favorevole a scelte di Conte. Mattarella ha approvazione corale, è visto come un papà”

next