La Bce fa un’altra mossa senza precedenti per sostenere i Paesi colpiti dall’emergenza coronavirus e dal lockdown. Fino al settembre 2021 accetterà, come garanzia a fronte della liquidità fornita alle banche, titoli che a seguito di un downgrade non avessero più il rating d’investimento, fino ad oggi prerequisito essenziale. La decisione è arrivata mercoledì sera dopo la riunione via videoconferenza dei governatori. E guarda con particolare attenzione alla situazione dell’Italia, i cui titoli di Stato hanno un rating due gradini sopra il ‘junk‘ per S&P – che giusto venerdì rivedrà il suo giudizio – e un gradino sopra per Moody’s che si esprimerà l’8 maggio.

La “esenzione” dalle regole di idoneità delle attività fornite come garanzia si applica “alle attività quotate e agli emittenti di questi attività che soddisfacevano i requisiti minimi di qualità creditizia al 7 aprile 2020″, vale a dire un rating minimo pari a BBB- (al di sotto del quale si parla di junk, rating speculativo) con l’eccezione dei titoli Abs. Tutto ciò purché il loro rating resti almeno al livello BB. Queste misure, sottolinea l’Eurotower, “mirano a garantire che le banche dispongano di risorse sufficienti da poter mobilitare come garanzie per partecipare alle operazioni di finanziamento e continuare a fornire prestiti all’economia dell’area dell’euro”

La mossa del consiglio direttivo guidato da Christine Lagarde è probabilmente il preludio di un ennesimo rilancio sugli acquisti di debito per fronteggiare la crisi innescata dal Covid-19. I 1.100 miliardi messi sul tavolo dalla Lagarde, di cui il programma di acquisti ‘Pepp’ costituisce il piatto forte, potrebbero uscire raddoppiati dal consiglio del 30 aprile.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il punto sugli aiuti ai cittadini: 600 euro per 3,5 milioni di autonomi, cassa arrivata solo se l’ha anticipata l’azienda. Flop della sospensione dei mutui e 300mila richieste di prestito

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “1 milione i nuovi poveri che hanno bisogno di aiuto per mangiare. Il 20% vive in Campania, il 9% in Lombardia”

next