“Siamo davanti a un momento drammatico: c’è bisogno di mettere in campo risposte nuove e c’è bisogno di strumenti che non stanno nella nostra cassetta degli attrezzi”, così l’ex premier Enrico Letta, in diretta a SkyTg24. “Spero domani non ci sia una rottura drammatica e finale: se siamo in piedi è grazie alla Bce, quindi vuol dire che se non ci fosse la solidarietà europea saremmo già gambe all’aria. Domani credo ci debba essere una parola definitiva. Se ci fosse un disaccordo di fondo sarebbe un disastro: già venerdì mattina il nostro spread schizzerebbe a 400″, ha continuato riferendosi alla riunione del Consiglio europeo in programma il 23 aprile.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono le Venti (Nove), Confcommercio: “Molte imprese non chiederanno il prestito perché non hanno prospettiva di reddito futuro”

next
Articolo Successivo

Disuguaglianze, sale il divario tra ricchi e poveri in Italia. E il coronavirus peggiorerà le cose

next