Quest’anno le celebrazioni dell’anniversario della Liberazione dell’Italia dai nazifascisti dovranno adeguarsi alle restrizioni anti Covid. Niente cortei e grandi eventi. Così a Bologna, liberata il 21 aprile del ’45, la commemorazione si è svolta in una piazza Nettuno deserta, con il silenzio rotto solo dai rintocchi a festa della grande campana dell’Arengo. Dalle finestre di Palazzo d’Accursio sono state esposte le bandiere delle brigate partigiane. I video sono stati trasmessi in diretta sui canali social del Comune

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvatore Mancuso, il mio ricordo del finanziere gentiluomo. Beato chi finiva in lista a Natale!

next
Articolo Successivo

Rimini, 50enne minacciata con un’accetta e violentata per due settimane in un ex camping abbandonato: due indagati

next