Eccola, la nuova Audi A3 Sedan. Ovvero la versione a tre volumi della popolare compatta della casa di Ingolstadt, che proprio oggi ne ha diffuso le prime immagini. Questa seconda generazione eredita linee sportive e muscolose, con un frontale su cui spicca il grande single frame esagonale a griglia a nido d’ape, e nel complesso un look che ricorda molto da vicino una coupé. Lunga 4,5 metri, larga 1,82 e alta 1,43, dà l’idea anche da ferma di essere ben piantata a terra. Impressione confermata dal carattere senza dubbio dinamico di questa vettura, che al lancio (nel terzo trimestre dell’anno) potrà contare su un parco motori di tutto rispetto: un 2.0 TDI turbodiesel da 150 Cv, più due 1.5 TFSI turbobenzina anch’essi da 150 cavalli dotati di sistema COD (cylinder on demand) che disattiva due cilindri quando non ce n’è bisogno. Quello dei due equipaggiato con cambio automatico a doppia frizione S-tronic a 7 rapporti può contare anche su un powertrain mild-hybrid, con rete di bordo a 48 Volt. Ma la vera novità è dentro l’abitacolo, dove digitalizzazione e high-tech la fanno da padrone. Grazie soprattutto alla nuova piattaforma di infotainment MIB 3, con potenza di calcolo volte superiore al sistema MIB 2, che mette a disposizione dei passeggeri comandi vocali intelligenti e un sistema di machine learning, in grado di riconoscere e riproporre le preferenze su tragitti di navigazione e settaggi vari. Ci sono poi una radio digitale DAB+ di serie e Amazon Alexa. Oltre naturalmente alla messe di sistemi di sicurezza e assistenza alla guida su cui Audi continua a puntare molto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bentley Mulsanne, dieci anni di eleganza ed esclusività da celebrare – VIDEO

next
Articolo Successivo

Opel Mokka, la versione elettrica del suv in vendita a inizio del prossimo anno

next