Produceva in casa e vendeva mascherine artigianali a prezzi superiori a quelli di mercato. Un commerciante torinese, cinquantenne, aveva allestito nella propria abitazione una specie di fabbrica, con tanto di macchina plastificatrice, dove confezionava i prodotti, compresi i cappellini in carta per uso ospedaliero. Poi piazzava i dispositivi di protezione individuale al dettaglio nella località dell’Alta Valle di Susa a prezzi più alti rispetto a quelli di mercato. Un migliaio di mascherine sono state sequestrate e l’uomo è stato denunciato dalla Guardia di finanza di Bardonecchia, insieme ad un’altra persona.

Il materiale veniva acquistato in grandi quantità sulle piattaforme online, ma il ciclo di lavorazione avveniva in pessime condizioni igienico-sanitarie. Nel corso delle perquisizioni sono stati trovati anche farmaci, parafarmaci e integratori alimentari di dubbia provenienza e dalla composizione sconosciuta per i quali sono in corso ulteriori approfondimenti.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’Osservatorio sulla salute: “In Lombardia e Marche contagi azzerati a fine giugno”. Altri 5 medici morti: sono 136 in totale

next
Articolo Successivo

Regione Lombardia, la responsabilità di non prendersi responsabilità

next