È stata uccisa con un colpo di fucile a pompa alla testa dal compagno. Poi l’uomo, Antonio Vena, di 47 anni, si è presentato intorno alle due di questa notte alla caserma dei carabinieri di Cassano d’Adda e ha confessato dicendo: “L’ho uccisa”. È successo ad Albignano, un paesino alle porte di Trucazzano, in provincia di Milano, dove viveva la vittima, Alessandra Cità, di 47 anni. Da circa due settimane lo ospitava a casa sua: secondo quanto riferito all’Ansa da fonti giudiziarie, la donna voleva interrompere la relazione, ma aveva deciso comunque di ospitarlo a casa per via delle norme sul contenimento dall’emergenza Coronavirus. Gli inquirenti parlando di una “convivenza forzata“. L’uomo, una guardia venatoria, lavorava infatti a Bressanone, in provincia di Bolzano, e prima dell’inizio dell’emergenza raggiungeva la compagna nel comune milanese solo durante il week-end.

Quando i militari sono arrivati sul posto allertando anche il 118, la donna era già morta. Il corpo era sul letto, alla testa una grossa ferita procurata dal fucile a pompa calibro 12. L’arma, regolarmente detenuta, è stata poi ritrovata in casa. Dopo essersi presentato in caserma, il 47enne è stato sentito per circa quattro ore e mezza dal pm di turno, Giovanni Tarzia.

I due, coetanei e originari dallo stesso paese in Sicilia, stavano insieme da nove anni. Si erano ritrovati a Milano e lì avevano iniziato una relazione sentimentale. L’uomo lavorava a Bressanone, in provincia di Bolzano, ma raggiungeva la compagna tutti i venerdì nel comune milanese per passare insieme il week-end. Per questo, nonostante la vittima avesse deciso di interrompere la relazione, aveva permesso all’uomo di vivere con lei ad Albignano dopo l’entrata in vigore delle norme di contenimento del contagio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Mantova, 43enne ucciso: arrestati due vicini di casa. I carabinieri: “La vittima da tempo aveva un comportamento ossessivo e vessatorio”

next
Articolo Successivo

Roma, anziano accoltellato alla fermata dell’autobus perché non ha l’accendino: aggressore accusato di tentato omicidio

next