La lezione di matematica dura solo due minuti ed è disponibile sul web. È un utile promemoria per coloro che non vedono l’ora di riaprire tutto. Fabbriche, chiese, case, alberghi, lidi, piscine. Tutto tutto, e prima che si può… Angela Merkel li chiama i “presuntuosi”, e sono quelli che sfidano la matematica. In un messaggio a uso interno, dove immagino esista una scolaresca nutrita di iper ottimisti, ha spiegato che in Germania se il contagio si attestasse sulla moltiplicazione 1×1 (un contagiato ne contagia soltanto un altro. Da qui la formula R=1) i posti di terapia intensiva sarebbero prevedibilmente pieni entro il prossimo ottobre. Se il rapporto aumentasse del venti per cento (R=1,2) quei letti sarebbero tutti occupati entro il prossimo luglio. Se il rapporto dovesse aumentare ancora di più (R=1,3), la disponibilità si esaurirebbe invece già a giugno. Certo, è lo scenario peggiore preso in esame. Ma un dovere di un politico illuminato è di assumere come possibile anche ciò che è meno probabile.

Malgrado la Germania abbia un sistema sanitario più efficiente e capillare del nostro e un numero di letti disponibili in terapia intensiva quattro volte superiore al nostro, e un numero di morti infinitamente minore a quelli che noi contiamo, la professoressa Merkel invita a fare queste semplici moltiplicazioni. Spiega ai “presuntuosi” che tutto il mondo sta camminando su una lastra di “ghiaccio sottile” e che basta poco perché si squarci e ingoi tutti nel fondo delle sue acque gelide.

Antonio Gramsci diceva: la storia insegna ma ha cattivi scolari.

Faremmo bene, ora che abbiamo tempo, a impegnarci in un piccolo ripasso e invitare Salvini e soci, tutti quei governatori con l’ansia da prestazione (compreso il neopresidente di Confindustria), di emulare questa breve ma utile fatica.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, gli italiani inflessibili: la legge va rispettata. Ma solo se c’è di mezzo il virus

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il duello dei governatori. Più fandonie per tutti!

next