Una spiegazione che in molti, in rete e sui social, hanno definito “perfetta”. La cancelliera Angela Merkel in conferenza stampa ha speso qualche minuto per spiegare l’andamento dei contagi da coronavirus in Germania, sottolineando che “l’intera evoluzione del modello (e cioè del calcolo tedesco) è basata sulla capacità di monitorare e tracciare ogni soggetto infetto”. Fin dall’inizio dell’epidemia, infatti, Berlino è riuscito a realizzare un elevato numero di tamponi, rintracciando anche gli asintomatici e limitando il contagio.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, superati i 150mila morti nel mondo. Nuovo record di vittime negli Usa. Ma Trump: “Picco superato” e propone un piano di riapertura. Wuhan corregge il bilancio totale

next
Articolo Successivo

Coronavirus, le testimonianze: “In Bolivia solo 430 camere di terapia intensiva”. “In Ucraina contagio da migranti provenienti dall’Italia”

next