La Regione Lombardia invia sms alla popolazione per chiedere di scaricare l’app AllertaLOM, già utilizzata per le allerte dalla Protezione Civile lombarda. L’app era già stata lanciata il 31 marzo scorso dal vicepresidente della Regione Fabrizio Sala e non traccia in alcun modo posizione e spostamenti degli utenti, ma si propone solo di raccogliere dati chesi spera possano aiutare a individuare nuovi potenziali focolai.

Dopo gli appelli, la Regione ha deciso di passare al metodo dell’invio di sms istituzionali di massa, come disposto da un’ordinanza dello scorso 9 aprile. I messaggi vengono inviati a tutte le utenze telefoniche presenti sul territorio lombardo cono il seguente testo: “Regione Lombardia-CercaCovid: scarica app AllertaLOM e compila ogni giorno il questionario anonimo sul tuo stato di salute. Aiuterai a tracciare mappa contagio“.

L’app è disponibile su Apple Store e su Google Play Store e i dati vengono raccolti tramite la compilazione di un questionario da parte dei cittadini, disponibile dopo il nuovo aggiornamento dell’applicazione. I dati personali saranno acquisiti in forma completamente anonima. L’adesione resta su base volontaria. Secondo le informazioni fornite dalla Regione al 6 aprile scorso, l’app è stata scaricata da oltre 800mila utenti, di cui 675mila hanno partecipato al progetto “CercaCovid” compilando oltre 960mila questionari. Ogni utente è infatti invitato a compilare il questionari più volte a distanza di qualche giorno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, gli aggiornamenti della Protezione Civile: la diretta della conferenza stampa

next
Articolo Successivo

Coronavirus, lieve incremento dei nuovi contagi, ma si riduce la pressione sulle terapie intensive. Ancora 525 morti in 24 ore

next