È come una grande lavatrice con il cestello a caricamento verticale. Alta un metro e mezzo, larga un metro. La decontaminazione delle mascherine Ffp2 e Ffp3 venute a contatto con il Covid-19 potrebbe passare da qui. Ci sta lavorando l’azienda pavese De Lama, impegnata nel campo della sterilizzazione dal 1949. Un prototipo è stato mandato al Policlinico San Martino di Genova, perché completi i test necessari. Per il momento, i risultati ottenuti sono buoni. “Con l’esplosione dell’emergenza abbiamo ricevuto molte telefonate, soprattutto da parte di ospedali: erano disperati perché le protezioni necessarie al personale sanitarie scarseggiavano”, spiega Marco Bianchi, responsabile Comunicazione e Marketing in De Lama.

L’azienda si occupa di progettare impianti impiegati nella sterilizzazione di prodotti destinati alla farmaceutica e alla ricerca. Sterilizza anche ferri chirurgici e materiali tessili necessari in sala operatoria. Ma delle mascherine non si era mai occupata. Il motivo è intuibile: “Sono sempre state usa e getta”. Tra una telefonata e l’altra si crea un consorzio che collabora per mandare avanti il progetto nel più breve tempo possibile: oltre a De Lama, partecipano l’ospedale Policlinico San Martino e l’Ordine dei medici di Genova, l’università di Pisa, il Politecnico di Torino e l’azienda Bercella, esperta nella creazione di materiale aerospaziale. “Era importante agire insieme per svolgere molti test, ripetuti più volte. Il Policlinico San Martino e l’università di Pisa si sono occupati dell’aspetto microbiologico e procedurale, per individuare la temperatura e la pressione necessarie, mentre il Politecnico di Torino e Bercella si sono concentrati sulla filtrazione e sull’elasticità: dobbiamo essere sicuri che la mascherina, anche se soggetta a vari cicli, non perda le sue capacità filtranti”, continua Bianchi.

La macchina può contenere all’incirca un centinaio di Ffp2 o Ffp3 usate. Ma, precisano dall’azienda, si può lavorare anche con impianti più grandi. Vengono inserite in una camera rinforzata al cui interno è stato precedentemente creato un vuoto. Quindi, si inserisce vapore saturo a una temperatura elevata, che penetra nelle fibre dei tessuti ed elimina gli agenti patogeni. Nei processi di decontaminazione canonici si sale fino a 121 gradi, ma in questo caso sarebbero troppi, perché danneggerebbero le mascherine. “Stiamo lavorando per trovare un equilibrio, con una temperatura che possa eliminare il Covid-19 senza distruggere il materiale”, spiega Bianchi. “Inoltre, è importante capire quanti cicli può sostenere una singola mascherina, cioè quante volte può essere decontaminata senza che perda le sue qualità”. Il processo in tutto dura circa un’ora. Oltre a tamponare la carenza di presidi di protezione, il processo aiuterebbe a risolvere anche il problema dei rifornimenti: i prezzi delle Ffp2 e delle Ffp3 sono saliti alle stelle e gli ospedali ne consumano in enormi quantità.

Il prossimo passo è attendere che i test in corso a Genova siano conclusi: “Per ora i riscontri sono molto buoni. Il nostro obiettivo finale è presentare un protocollo ufficiale (Protocollo di decontaminazione delle semimaschere filtranti di tipo FFP2 e FFP3, ndr) a nome di tutti i membri del consorzio”. Se dovesse funzionare, precisa Bianchi, potrà essere applicato dove ce ne sarà bisogno e, una volta ricevute le opportune autorizzazioni, potrà essere adottato anche da altre aziende: “Non vogliamo essere i depositari di una formula segreta. Vogliamo dare il nostro contributo”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, su La7 le immagini girate dentro una Rsa di Milano: “Anziani lasciati morire senza ossigeno e stanze non sanificate”

next
Articolo Successivo

Moby Prince, 29 anni dopo la tragedia in mare. Mattarella: “Ricerca verità è un dovere civile”

next