Stava tornando a casa dopo aver consegnato a domicilio farmaci agli anziani ma è stato fermato e picchiato da una baby gang. Tre minorenni di 14, 16 e 17 anni sono stati arrestati con l’accusa di aver aggredito un volontario di 23 anni dell’Auser. E’ successo a Ravenna, in Emilia-Romagna, lunedì pomeriggio. Tra gli aggressori ci sarebbe anche un altro ragazzo, ancora non fermato dalle forze dell’ordine. Il volontario ha riportato ferite giudicate guaribili in 25 giorni

Il volontario si trovava vicino al Parco Teodoro. Aveva finito di lavorare e stava rientrando in bici a casa, ma è stato fermato con un pretesto dai quattro ragazzini, buttato a terra e preso a pugni e calci. Il gruppo poi lo avrebbe anche minacciato con il collo di una bottiglia di vino rotta e l’avrebbe colpito con un ramo, tentando di prendergli zaino e cellulare. In soccorso del volontario è accorso un passante che in quel momento stava portando a spasso il cane: allertato dalle grida del giovane, ha messo in fuga i quattro minori. E’ stato lo stesso 23enne a chiamare il 112.

Tre dei minori, due italiani e uno d’origine straniera, sono stati individuati poco dopo dai carabinieri. Per i tre la Procura minorile ha chiesto il carcere con l’accusa di rapina aggravata e di lesioni personali aggravate. I tre giovani dovranno comparire davanti al Gip del Tribunale per i minorenni di Bologna.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, morto il presidente del Tribunale di Foggia: risultato positivo dopo trapianto in ospedale. La famiglia: “Lì è stato contagiato”

next