Si chiama Tuned ed è un’app social abbastanza insolita, perché pensata per condividere foto, ricordi, musica e altro ancora esclusivamente tra due membri di una coppia. Presentata oggi e al momento disponibile unicamente per Apple iOS è stata creata da Facebook. Una svolta inaspettatamente intimista, che rispecchia il nuovo corso inaugurato dalle app di instant messaging, con cerchie più piccole e controllate.

I social del resto rappresentano bene i tempi e questa svolta non arriva casualmente e non perché l’attuale pandemia ci spinga a riscoprire i rapporti intimi e quelli fonati su una conoscenza più solida. Questa tendenza infatti era in atto già da diverso tempo, tanto da aver spinto già lo scorso anno il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, a indicare in social più personali e dalle cerchie ristrette il futuro del settore. Inizialmente dunque c’erano due colossi come Twitter da un lato, i cui messaggi inizialmente potevano essere esclusivamente pubblici, e Facebook dall’altro, che promuoveva la creazione di cerchie di contatti amplissime e basate unicamente sulla condivisione di interessi. In seguito sono arrivati social più personali come Instagram e soprattutto le app di instant messaging come WhatsApp e Telegram e infine Tuned.

Potrebbe sembrare insulso utilizzare un social tra membri di una coppia, ma non tutti vivono insieme e a volte nemmeno nella stessa città o addirittura regione o nazione, senza contare le coppie mature che spesso preferiscono mantenere la propria indipendenza abitativa e le tante coppie che si incontrano solo poche ore la sera dopo intense giornate lavorative.

Sia come sia, Tuned somiglia non a caso proprio a una comune app di messaggistica, con però in più l’aggiunta di una sezione comune che è possibile arricchire con contenuti personali e condivisi, come foto, note, messaggi vocali e anche musica, servizio per cui Tuned si appoggia al colosso del settore, Spotify.

Al momento la versione di Tuned per iOS è disponibile unicamente negli Stati Uniti. Facebook non ha rilasciato informazioni sulla sua eventuale disponibilità anche per Android e in altri Paesi, ma sicuramente se l’esperimento avrà successo il popolare social in blu provvederà a renderla disponibile su tutti i principali mercati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Quibi, arriva il servizio di video streaming a misura di smartphone

next
Articolo Successivo

Samsung Galaxy A40, smartphone di fascia media in offerta su Amazon con sconto del 30%

next