I tatuatori italiani scendono in campo per l’emergenza coronavirus mettendo all’asta le proprie opere. I proventi della vendita andranno alla Siaarti, Società italiana di anestesia analgesia rianimazione e terapia intensiva, che li potrà utilizzare per sostenere le spese di viaggio, vitto e alloggio, di tutti i medici volontari che in questo periodo si stanno spostando per intervenire nelle zone maggiormente colpite dal Covid-19 e per acquistare materiali e dispositivi per la terapia intensiva. “Dopo alcune aste benefiche sviluppatesi a livello locale e finalizzate, di volta in volta, al finanziamento di una singola struttura sanitaria – spiega Arsenink, al secolo Alessio Mariani Radici, tatuatore romano organizzatore dell’iniziativa – si è deciso di fare un passo in avanti nella raccolta fondi unendo gli sforzi per un’azione su scala nazionale, approvata e coadiuvata dall’Associazione Tatuatori. Nei giorni scorsi sono state fatte già alcune aste dai tatuatori di Bergamo, di Milano, di Brescia e di altre città, grazie alle quali sono state raccolte decine di migliaia di euro e, forti di queste apprezzabili iniziative, abbiamo deciso di rilanciare l’idea a livello nazionale aderendo alla campagna #WeCare indetta dalla Siaarti”.

I tatuatori aderenti all’iniziativa metteranno all’asta i propri disegni, dipinti, stampe, sculture e oggetti d’artigianato sui loro canali social, Facebook e Instagram, e i pagamenti delle opere andranno effettuati direttamente sul conto corrente Siaarti o tramite l’apposito link ‘GoFundMe’. L’asta inizierà giovedì prossimo alle 10 e terminerà sabato a mezzogiorno. Ogni tatuatore pubblicherà sul proprio profilo social i suoi lavori, al massimo tre, con un post dedicato, descrivendoli nel dettaglio (dimensioni, materiali, tecnica utilizzata) e includendo l’hashtag #tatuatoriprosiaarti.

La base minima di partenza di ogni asta sarà di 50 euro con rilancio minimo di 10 euro. Per partecipare, i potenziali acquirenti dovranno fare la propria offerta nei commenti del relativo post. Una volta scaduti i termini per le donazioni, il tatuatore dichiarerà il vincitore e in seguito si accorderà con l’acquirente sulle modalità di consegna dell’opera che “avverrà solo dopo il termine della quarantena, onde evitare sovraccarichi inutili di lavoro per i corrieri con consegne non urgenti”, sottolinea l’organizzatore. “Ovviamente – prosegue – i costi di spedizione saranno a carico del singolo tatuatore autore dell’opera venduta”.

Questa iniziativa sarà pubblicizzata e monitorata sulle pagine social Facebook e Instagram ‘Tatuatori pro Siaarti’ dove verranno menzionati i profili privati dei tatuatori regolarmente iscritti e le loro opere all’asta. “In questo momento – spiega Alessio – tutti dobbiamo dare il nostro contributo. Le iniziative dei colleghi di Bergamo, che per primi hanno realizzato un’asta di beneficenza per l’emergenza, e di altri tatuatori in altre zone d’Italia hanno indicato la via che abbiamo deciso di seguire e ottimizzare devolvendo i fondi direttamente ad un’associazione come la Siaarti che sa come gestire i soldi da destinare alle situazioni più critiche presenti sul territorio. Lancio un appello a tutti gli italiani affinché diano il proprio contributo per aiutare chi è in prima linea tutti i giorni a combattere contro questo nemico invisibile”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Sono le Venti (Nove), voglia di mare ma turismo a rischio: “Qui in Liguria ci sono state già cancellazioni estive”. E si pensa a come ripartire

next