Un giovane paziente mi scrive: “Se questa è la fine del mondo, fa proprio schifo”. In effetti quando avevamo immaginato la fine della razza umana apparivano nei film o nei libri scenari apocalittici con una terra desolata post nucleare o post asteroide.

La natura intorno a noi invece sembra, in questo inizio di primavera, bellissima. Il clima è dolce, i prati sono in fiore. Senza tanto inquinamento, traffico e intervento umano, il paesaggio pare idilliaco. Capiamo che la terra potrebbe fare a meno della nostra razza e che molte specie, sia vegetali che animali, ne trarrebbero vantaggio. Da un punto di vista psicologico per noi anziani è quasi dolce naufragare in questo mare di malinconia, mentre per i giovani si determina un’esuberanza, per ora tenuta a freno che, però, potrebbe ben presto sfociare in ribellione e rabbia.

Per quanto riguarda la chiusura sociale e produttiva, non ritengo utile trattare allo stesso modo l’anziano, come me, e il giovane. L’anziano ha molti rischi per la salute dal contagio da coronavirus, ha solitamente un’indole più pacata, può trarre piacere da una vita casalinga e maggiormente ritirata. Il giovane, per sua natura, è esuberante, morde il freno e avverte la necessità di esprimere le sue potenzialità, oltre ad avere scarsi rischi legati all’infezione. Ho timore che, se imponiamo in modo indiscriminato la chiusura di ogni attività, i giovani comincino a soffrirne molto e siano facile preda della loro voglia di fuggire o trasgredire agli ordini.

Non vorrei che dopo la fase di allarme, in cui tutti ci siamo uniformati alle direttive, inizi fra i giovani una sorta di rivolta contro le restrizioni. Il rischio che cominci a trapelare insofferenza sociale contro limitazioni uguali per tutti, unita alle difficoltà economiche, pesanti per i ragazzi che, mediamente, non hanno il gruzzoletto da parte, può condurre alla rabbia che rischia di incanalarsi in atteggiamenti di rivolta.

Ritengo sia utile cominciare a pensare a bandi rivolti a fasce di età, per riaprire servizi e attività importanti per la società e poter dare ai giovani sfogo alla loro esuberanza e alla loro giusta necessità di autorealizzazione. Il rischio che fra loro si determini un aumento dei contagi indubbiamente esiste, ma è più bassa la probabilità di complicazioni gravi.

Inoltre potrebbe essere utile, anche sul versante sanitario, che si costituisse una fascia di età che ha contratto il virus e ormai è parzialmente immune. Per evitare che i giovani infettino i loro genitori, fino a che non hanno passato la malattia e risultano immuni, si dovrebbe garantire a coloro che vivono ancora in casa un alloggio negli alberghi, ora desolatamente vuoti. Quindi ad esempio istituire un bando nazionale per giovani che vogliano andare a raccogliere la frutta o la verdura, con la possibilità di alloggiare negli alberghi della zona.

Il suggerimento è quello di permettere ai ragazzi di svolgere lavori in fabbriche, officine, uffici, luoghi di assistenza e altro, a patto che vadano lontano dai genitori in albergo o in case in affitto. Insomma dare la possibilità, su base volontaria a una fascia di età, inizialmente compresa fra i 20 e i 40 anni, di risultare utile e produttiva, in anticipo rispetto ai severi tempi della quarantena.

Questa apertura, che potrebbe essere programmata a breve, farebbe sbollire la rabbia emergente e l’insofferenza che rischia di prendere piede nella nostra gioventù.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, ore 7:30. Ingorgo a Porta Venezia, come se fosse un giorno qualsiasi

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la quarantena mi fa sentire impotente. Meno male che qualche appiglio c’è

next