Quasi mille casi presunti o accertati di coronavirus – 983, esattamente – cioé il l 14% circa degli assistiti delle strutture: questi sono i dati del contagio nelle 59 residenze per anziani presenti a Milano dal 20 febbraio al 31 marzo. Mentre i decessi per Covid – o sospetti tali – sono stati 337, ovvero il 5% dei 7238 ospiti delle rsa. Le cifre sono stati riferite dal direttore generale di Ats Milano, Walter Bergamaschi, durante la Commissione consiliare del Comune di Milano che si è svolta in video conferenza.

“All’interno dei decessi – ha aggiunto Bergamaschi – noi abbiamo un dato che il 42% è deceduto nelle Rsa per patologie non riferibili al Covid, mentre il 58% è avvenuto per patologie in qualche modo riferibili al Covid. Io non ho i dati del 2019, ma se confrontassimo i dati con la mortalità del 2019, troveremmo che probabilmente, più o meno l’anno scorso nello stesso periodo, possa esserci stato un numero di decessi più o meno della metà rispetto a quello di quest’anno“. Per quanto riguarda i contagi, invece “il numero è di casi presunti – non parliamo di casi accertati, che sono molti meno – è variabile all’interno delle diverse strutture. Abbiamo strutture che presentano un alto numero di ospiti con sintomatologia correlata e che quindi sono stati posti in isolamento – ha aggiunto – e strutture che non presentano nemmeno un ospite con queste sintomatologie o che non autocertificano questo dato”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Guerra (Oms): “Apertura? Andrà fatta per fasi ma solo se ci sono le condizioni minime”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la lettera di un malato: “Politici e dirigenti pubblici, date l’esempio: congelate vostri stipendi e pensioni”

next