“Stiamo finalizzando il decreto sulla liquidità. Garantiremo prestiti fino a 800mila euro al 100% e aumenteremo le garanzie al 90% per 200 miliardi di prestiti fino al 25% di fatturato delle imprese di tutte le dimensioni”. Ad annunciarlo è il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, in un’intervista al Tg1.

Le sue parole arrivano dopo la decisione della Commissione europea di cambiare le regole permettendo agli Stati di concedere garanzie per l’intero importo dei prestiti a interessi zero. Il governo ha sfruttato l’occasione e si è subito adeguato alle nuove norme, come preannunciato dal ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, su Facebook: “Nel prossimo decreto garantiremo tutta la liquidità necessaria con il 100% di garanzia dello Stato”, aveva scritto.

Fino a venerdì questo non sarebbe però stato possibile. Le regole europee, anche dopo le ultime modifiche dovute proprio all’emergenza coronavirus, fissavano il tetto al 90% del capitale, oltre a stabilire il limite massimo pari al 25% del fatturato dell’anno precedente. Con il Tesoro che aveva dovuto adattare a questi paletti l’ultima bozza di decreto prima del 3 aprile.

Lo stesso Gualtieri, giovedì, aveva annunciato: “Faremo un provvedimento molto importante per potenziare l’intervento sulla liquidità delle imprese con altri 200 miliardi di prestiti garantiti che coprano fino al 25% del fatturato di tutte le imprese con il 90% di garanzia dello Stato”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prestiti alle imprese, l’Ue cambia le regole: “Ok a garanzie statali fino al 100%”. Patuanelli: “Nel prossimo decreto sfruttiamo questa chance”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Piazza Affari a +4% e tutte le Borse europee in rialzo. Lo spread chiude a 194 punti

next