“I numeri confortanti di oggi ci dicono che non abbiamo scampato il pericolo, ma che le misure messe in atto hanno contenuto il contagio epidemico”. Così Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità, in conferenza stampa dalla sede del dipartimento della Protezione civile.

“Se guardiamo ai numeri, dal 27 marzo a oggi in 9 giorni si è passati da più di 120 accessi nelle terapie intensive a un saldo negativo di 74 malati, che non sono più oggi nelle terapie intensive rispetto al numero di ieri – ha spiegato Locatelli – Anche il numero di deceduti si è ridotto dai 970 ai 680 attuali. Ma non abbiamo superato la fase critica. Il pericolo non è scampato”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la diretta – Arcuri: “Battaglia non è vinta, non si torna a normalità”. Locatelli (Css): “Non abbiamo scampato proprio nulla”. Nuova ordinanza Lombardia: in giro solo con naso e bocca protetti

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Locatelli: ‘Lombardia obbliga a coprire volto? Distanziamento sociale è misura fondamentale’. Borrelli: ‘Non uso mascherine’

next