Un medico della Medicina ad alta intensità dell’Ospedale di Circolo di Varese , alla fine del suo turno nel reparto Covid, è è esibito al pianoforte nella hall, suonando un paio di canzoni dei Queen, fra cui Don’t Stop Me Now. (“Non fermarmi adesso”). I colleghi lo hanno filmato e il video è stato poi diffuso come messaggio di incoraggiamento sui social della Asst dei Sette Laghi. Il medico pianista, in divisa e mascherina, è Christian Mongiardi, un giovane ecografista. Sceso con due colleghi per mangiare un panino, ha trovato lo spaccio chiuso e si è seduto al pianoforte, donato pochi mesi fa una onlus. Quando il video si è diffuso Mongiardi era contrariato. Ma il suo primario, Francesco Dentali, lo ha convinto: “Gli ho detto che era una cosa bella e avrebbe sollevato il morale a tutti noi e a tutte le persone che hanno parenti e amici ricoverati per il Covid in questo periodo difficile”

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, positivo di 71 anni in casa con i familiari: in 7 in 60 metri quadri. Il medico: “Situazione non isolata e molto pericolosa”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il presidente dell’Iss: “Restare a casa fino a Pasqua, poi valuteremo. Dovremo immaginare un modo diverso di fare le cose”

next