“Dio esiste?”. E’ una domanda ricorrente nella storia e oggi diventa ancora più ridondante davanti a una Italia piegata da un nemico invisibile. Una malattia, un virus, che non possiamo toccare o vedere ad occhio nudo ma di cui sentiamo la potenza drammatica nel numero dei morti che fa ogni giorno.

Il Coronavirus è presente, evidente. E’ tangibile come lo sono le guerre che continuano a mietere vittime su vittime. Di pari passo all’aggravarsi del dramma, l’essere umano cerca con ancora più insistenza una risposta salvifica nell’innaturale. Perché non c’è una legge naturale e logica che possa far terminare il dolore!

Da questo bisogno di conforto, nato con il nascere dell’uomo, hanno attecchito le prime religioni fino ai tempi moderni e con loro sono nate le figure dei sacerdoti, dei loro rappresentanti. Sono proprio questi a darci il conforto che cerchiamo. Loro invocano Dio, riaffermando la sua immanenza, che non ci sembra presentarsi all’appuntamento. Eppure ci sfuggono la potenza delle parole, quelle dette prima dell’invocazione dell’Essere: come quelle di Papa Francesco.

San Pietro ieri era vuota. Ma nell’assenza c’è la presenza di uno spirito che è quello della collettività, del noi. Il Papa ha detto che è venuto “il tempo di scegliere che cosa conta e che cosa passa, di separare ciò che è necessario da ciò che non lo è”. E’ un invito che suona come la chiamata a ritornare a ciò che è indispensabile, tornando a guardarsi dentro.

La quarantena, brutta, orribile, che ci priva di molte libertà, ci dona la possibilità di stare in silenzio e di guardarci dentro (da quanto non lo facciamo?). Ma è anche un invito a lasciare il capitalismo e tornare all’essenzialismo. Non è, come ha sostenuto qualche giorno fa il filosofo Slavoj Žižek, il momento di tornare a un “nuovo comunismo”. Bensì è giunta l’ora di tornare a un noi-smo: comunità del noi.

In questo senso, il Papa ha poi elogiato quelli di cui ci siamo dimenticati troppo a lungo. Sono coloro che stanno scrivendo “gli avvenimenti decisivi della nostra storia: medici, infermieri e infermiere, addetti dei supermercati, addetti alle pulizie, badanti, trasportatori, forze dell’ordine, volontari, sacerdoti, religiose e tanti ma tanti altri che hanno compreso che nessuno si salva da solo”. E ha ricordato che “davanti alla sofferenza, dove si misura il vero sviluppo dei nostri popoli, scopriamo e sperimentiamo la preghiera sacerdotale di Gesù: ‘che tutti siano una cosa sola”.

Essere una cosa sola, una comunità di individui che si aiutano a vicenda è molto più importante che chiedersi oggi: “Dio esiste?”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ai bimbi in quarantena più pennarelli e mezz’ora d’aria. Le famiglie non devono sentirsi sole

next
Articolo Successivo

Coronavirus, in Toscana due sorelline restano sole a casa e sono aiutate da tutto il comune. A Bari 2 adolescenti seguiti dai colleghi di papà

next