Niente sarà più come prima. Solo un nemico esterno, ad esempio un nemico proveniente da Marte, avrebbe potuto insegnare agli esseri umani che fanno parte di un’unica grande meravigliosa specie, vulnerabile, creativa, bisognosa, che può coltivare il suo bisogno di star bene solo insieme. Le differenze nazionali sono risultati della storia: una storia intrisa di sangue e disastri per difendere confini che non sono che astratte linee su di un pianeta comune, l’unico a disposizione.

Questo modo bellicoso di stare al mondo finisce ora. Questo nemico è infatti arrivato, è un’altra specie, il Virus, il re dei Virus con la sua Corona, che ha sconvolto le nostre piccole certezze e comodità, ci ha dichiarato guerra – la Natura sembra ci voglia rimettere al nostro posto, le abbiamo mancato di rispetto davvero troppo. Si rivolta contro di noi. E’ una guerra mondiale, la terza: quella tra l’Umanità e il Virus. E la natura non conosce confini o nazioni. Vuole che accettiamo di vivere in equilibrio col pianeta, e che ci prendiamo cura: di noi tutti, della natura, del pianeta. E’ la condizione che ci pone per lasciarci vivere in pace con lei, e non contro di lei. Se non lo capiamo con le buone, ce lo impone con il Virus.

Ma noi siamo una specie animale straordinaria: impariamo, siamo consapevoli. Ne uscirà quindi una nuova umanità mondiale, solidale, una sorta di democrazia del prendersi-cura, terapeutica, o del diritto al bene, alla benevolenza, alla compassione per una vulnerabilità che non va più nascosta, ma che è la bandiera di tutti noi, piccoli nuovi umani, principianti. Siamo invincibili se siamo consapevoli della nostra vulnerabilità, del nostro bisogno di star bene, che ci caratterizzano. Siamo orgogliosi di essere vulnerabili e di occuparci gli uni degli altri – anzi, non si dice più “gli altri”: gli altri siamo noi, noi umani.

E quindi dopo, e ben presto, avremo imparato la lezione: non hanno alcun senso, sono contrari ai bisogni dell’umanità e verranno proibiti in particolare investimenti in arsenali militari; gli stessi investimenti si faranno semmai in macchinari per ospedali: le industrie si riorganizzeranno in questo senso. Da chi verranno proibiti: dalle nazioni che si riorganizzeranno e avranno la loro ragione di essere trasformandosi in amministrazioni del benessere delle persone, cooperando internazionalmente per riuscirci – come coopera la scienza. Il bisogno di star bene, un bisogno di tutti, diventa un diritto naturale, proprio perché condiviso da tutti, senza eccezioni e senza limiti di nazionalità. Gli eserciti si trasformeranno in corpi di pace, sostenendo il lavoro di polizia, protezione civile e vigili urbani.

Ogni cosa contraddica questo bisogno dell’umanità di vivere in pace e in salute non ha più senso. Per prime saranno ben presto vietate le armi di distruzione di massa, e quindi le armi nucleari, le testate atomiche e gli aerei che le dovrebbero trasportare; l’industria bellica si riciclerà, per fornire macchinari agli ospedali – e case per tutti, e pannelli solari per ogni tetto.

Nella piccola vecchia Europa finalmente ci si sarà resi conto che solo uniti si può realizzare la vita che vogliamo: gli Euro-Bonds distribuiranno sulle spalle di 500 milioni di persone (sul risparmio di tutti gli Europei) il carico del debito necessario alla riconversione dell’economia in una direzione compassionevole, solidale, benevola, davvero umana. Sul lungo periodo (in 30-40) anni questi Euro-Bonds pagheranno le pensioni dei trentenni di oggi, investendoli attualmente nella nuova economia della Rinascita.

La pace si inizia nelle menti delle persone: per cui in tutte le scuole si imparerà da subito la mente della pace: con corsi su come gestire emozioni negative, come risolvere conflitti, come comprendere l’altro. Sarà chiaro a tutti che chi insulta o è in preda all’ira sta male, è in balia di una forma di pazzia, più o meno passeggera, e va aiutato.

In una economia solidale non ci sarà spazio per la paura: reddito di cittadinanza (a livello europeo inizialmente, e poi mondiale) e simili accorgimenti renderanno possibile a tutti lo studiare per tutta la vita, coltivando le risorse nascoste nei desideri di tutti, distribuendo competenze. Artisti e piccoli artigiani e altre categorie con reddito incerto godranno sostegni economici per mantenere viva la cultura, anzi le culture.

La nuova umanità impara a voler bene alla vita cosi come è: accettando i problemi e risolvendoli insieme, con razionalità, scienza, ragionevolezza, conoscenze di esperti e studiosi. La nuova indicazione universale che si aggiunge alla Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo (non a caso stilata dopo l’ultima grande catastrofe mondiale, la seconda Guerra Mondiale) è: non danneggiare. Né il pianeta, né gli umani, né la natura.

Una Costituente Universale si preoccuperà di implementarla in passi concreti, semplici, realizzabili da ognuno in ogni campo. C’è molto da fare, non c’è tempo da perdere in polemiche. Si ricostruisce qualcosa di meglio. L’emergenza di oggi è un feedback della natura che ci avverte in tempo: possiamo capirlo e smettere di danneggiare il pianeta e quindi noi tutti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sono le Venti (Nove), De Masi: “Cosa stiamo imparando? L’importanza delle competenze e dello Stato. E che sovranismi sono arcaici”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, lo stress può portare all’esaurimento: occorre prevenire ora

next