“La nostra è una solidarietà attiva: da un lato diamo una mano a chi non è autosufficiente, dall’altro critichiamo le contraddizioni di un sistema che fa pagare gli ultimi i costi di questa crisi sanitaria”. Dal 13 marzo, gli oltre cinquanta volontari della brigata Lena-Modotti consegnano alimenti e farmaci agli anziani e alle persone che devono affrontare la quarantena a Milano. Un’iniziativa nata dal collettivo Fuori Luogo e dal centro sociale Lambretta che ospita la base operativa della brigata dedicata alla memoria di due partigiane, in collaborazione con un progetto Emergency. Qui i volontari ricevono le richieste di aiuto dal centralino di della Ong, sanificano i propri vestiti e con i dispositivi di protezione partono per svolgere il servizio. Ma c’è di più: grazie alla solidarietà di alcune pizzerie della zona i ragazzi del centro sociale hanno distribuito cibo ai senzatetto della zona e hanno attivato da poco un servizio di ascolto psicologico per le persone sole.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il governatore De Luca anticipa il governo: regione chiusa fino a Pasqua, divieti prorogati al 14 aprile. Quelli nazionali scadono il 3

next