“Noi operatori abbiamo paura, sappiamo che stiamo giocando con il fuoco. Dobbiamo farlo per tutte le persone che abbiamo qui, e se prima mettevamo il 100% ora dobbiamo davvero esprimere il massimo delle nostre potenzialità e delle nostre competenze”. Così Federica Lucchini, infermiera nella Terapia intensiva di Vizzolo Predabissi (Milano). “Per i parenti di tutti i malati è dura, perché non riescono a vedere i loro cari o tener loro la mano”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, De Luca (sindaco di Messina) al porto: “Non faccio passare più nessuno nel mio Comune, non si sbarca”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, diretta – Approvato nuovo decreto. Conte: “31 luglio? Termine estremo, misure saranno rimosse prima possibile. Carburanti e alimentari sempre garantiti, mi auguro non ci sia alcuno sciopero”

next