Come è gestita nelle vostre città l’emergenza Coronavirus? Come si comportano le autorità e i cittadini? E nelle vostre vite, c’è qualche aspetto positivo o inatteso nell’isolamento forzato? Abbiamo chiesto ai nostri Sostenitori di raccontarcelo, inviando testimonianze, osservazioni e spunti per la redazione al Blog Sostenitore. Mai come stavolta il contributo della nostra comunità è fondamentale: con il Paese in zona rossa, ogni segnalazione è importante. Abbiamo bisogno di voi. Sosteneteci: se non siete ancora iscritti, ecco come potete farlo.

di Cristiano Di Salvo

Il signor X è un senzatetto.

Non si sa molto di lui, se non che anni fa è arrivato a Palermo da molto lontano, che da allora è qui in pianta stabile, e che ha avuto un incidente e, dopo avere battuto la testa, non è più stato lo stesso di prima ed ha perso la capacità di lavorare.

Ha il diabete e un non meglio specificato deficit neurologico post-traumatico; la combinazione di entrambi lo rende un soggetto vulnerabile. Ha grosse difficoltà a ricordare qualsiasi cosa non sia nella sua routine se non gli viene spiegata cento volte. Di contro ha un animo gentile e cortese.

Fino alla primavera del 2019 il signor X nemmeno sa di avere il diabete. Dorme per strada, mangia quello che gli danno i negozietti dei bengalesi o quello che trova. Iniziano ad occuparsene alcune ragazze del Servizio Civile, che lo incontrano in quel periodo nella struttura in cui prestavano servizio. Le ragazze trovano il signor X fisicamente devastato. Temono che possa perdere un piede perché ha delle ulcere infette che arrivavano quasi all’osso.

Le visite mediche sono il primo problema. Le ragazze, più di una volta, devono cercare il signor X nei luoghi in cui si reca durante il giorno e portarlo a visita, perché l’appuntamento col dottore non rientra nella sua routine quotidiana. Finalmente la diagnosi: diabete. “Non ci sono le condizioni per un ricovero”, quindi il signor X può tornare a dormire per strada. Ma non è più solo e ha qualcuno che gli dà i farmaci per il diabete e quelli per le assenze tipiche.

Intanto il signor X si abitua all’aiuto delle ragazze e sviluppa una relazione fiduciaria e di amicizia verso chi, ogni mattina, gli ripulisce le piaghe e gli dà i farmaci. Perché il diabete non è “curabile”, ma si può intervenire sulla glicemia con i farmaci e facendogli seguire una dieta più adeguata. E le piaghe si restringono, poco alla volta, mese dopo mese. E si cicatrizzano.

Il passo successivo è trovare un luogo dove possa dormire e, dopo mille difficoltà, si riesce a trovargli un posto in un dormitorio. Ora il signor X è al coperto, ha dove lavarsi, mangiare, può andare a pregare una volta al giorno e seguire la sua routine quotidiana. Ogni tanto ha una crisi, e mette a dura prova gli operatori del dormitorio, che non capiscono. Bisogna comprendere che questi non sono abituati ai pazienti neurologici.

Le ragazze sopperiscono se c’è bisogno di qualcosa. Si gravano del compito di portargli i farmaci, di contattare i volontari di MSF per il rinnovo dei piani terapeutici e le visite, di “seguire” il signor X per fargli rispettare la dieta.

Quasi un anno per restituire un poco di dignità alla vita di un uomo tanto gentile quanto sfortunato. E il signor X ci mette il suo di impegno, si appunta quello che deve fare, cambia la sua routine per prendersi cura di sé, nei limiti del suo possibile. Si cura più di sé.

E adesso?

Adesso è arrivato il Covid-19, il governo ha giustamente indicato l’isolamento. E il dormitorio lo ha recepito. Ma non ha saputo spiegarlo al signor X. “Se esci anche oggi non possiamo farti rientrare”. Il signor X, la cui routine prevede di uscire, lavato e pulito di tutto punto, per la preghiera almeno alla sera quell’oggi di qualche giorno fa, è uscito dal dormitorio. E non è più potuto rientrare. Né in quella struttura, né in nessun’altra.

Chi era dentro quando è iniziato l’isolamento ed è rimasto dentro, tutto il giorno, tutti i giorni, ha un tetto sopra la testa anche oggi. Per chi come il signor X non può capire del tutto cosa sta succedendo e non ha modo di rinunciare a una qualche parte integrante della sua vita, si è deciso che non può avvalersi di questo lusso.

Il signor X è rimasto per strada. Col suo diabete e con le sue crisi epilettiche. E con il freddo di queste serate di metà marzo. Senza capirne il perché. Senza più la sua routine, in una città fantasma in cui anche i servizi per le persone vulnerabili non rispondono o non ricevono persone esterne.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, a Trento c’è chi si prende cura degli animali delle persone colpite. Una bella iniziativa

next
Articolo Successivo

Coronavirus, le meraviglie dell’Italia siamo noi. E la distanza ci fa male perché siamo collettività

next