“Abituatevi a perdere i vostri cari” è una frase raggelante in sé. Ma è il pronome sottinteso, quel voi in luogo del noi, a mettere ancora più angoscia. I giornali britannici giudicano “solenne” benché “cupa” la frase con la quale il premier Boris Johnson ha annunciato il suo modello di intervento: lasciar correre il virus, pagare il dazio di una infezione fino al 60 per cento della popolazione e uscirne fuori, quando sarà, con la cosiddetta “immunità di gregge”.

Ha dunque annunciato il sacrificio di migliaia di suoi connazionali. Annunciandolo, con una irresponsabilità che a me sembra senza pari, ha già immaginato chi sarà buttato dalla rupe Tarpea: i più fragili e sfortunati.

Noi italiani, scrive oggi Carlo Verdelli, siamo sperimentatori di un evento mai sperimentato. Ci troviamo a fare i conti col mistero, col buio, con un avversario irriconoscibile.

Noi italiani sappiamo anche che le cure del servizio sanitario sono universali, senza eccezioni di reddito, posizione sociale, età. Eppure la qualità e le cure sanitarie in una porzione dell’Italia sono molto più efficaci e tempestive rispetto all’altra porzipne. E’ già questa una prima e grave disuguaglianza. E se vogliamo dirla tutta le cure e le attenzioni prestate ai primi ammalati di Covid19 sono state sicuramente più avanzate e tenaci rispetto a quelle che già oggi si riescono a somministrare. Oggi chi raggiunge la terapia intensiva trova un fronte medico sfibrato da decine di giorni di lavoro incessante, trova non uno ma cento letti occupati, e cento urgenze in più a cui far fronte. E’ questa una seconda disuguaglianza che siamo costretti ad annotare. La risposta a un evento così cruento, se dispiegata nello stesso momento per un sempre maggior numero di casi, risulta oggettivamente più incerta e faticosa.

A queste due disuguaglianze Johnson, nel suo incredibile e raccapricciante messaggio alla nazione, ne aggiunge una terza: si salveranno i più forti. Che non sono sempre i più giovani. Ma certo tra i forti sono da annoverare i più più giovani e i più ricchi, oppure, non essendo giovane né ricco, chi detiene, come Johnson, poteri di governo a cui sarà sempre riservata un’attenzione speciale. E poi coloro che avranno la possibilità di essere curati in un grande istituto scientifico invece che in un ospedale di campagna.

I più forti, i più ricchi, i più potenti.

E tutti gli altri? Attenderanno la decimazione. Però dopo la decimazione quel grande “gregge” superstite raggiungerà l’immunità.

È già spaventoso pensarlo, ma dirlo è un atto così crudele e anche così intensamente antidemocratico da far venire i brividi.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Istantanea – La coltellata dell’Europa

next
Articolo Successivo

Coronavirus, mascherina mia fatti capanna. Le colpe e le quattro verità

next