di Riccardo Lenzi e Cinzia Venturoli *

Il calendario italiano è costellato di date simboliche: molte di queste date corrispondono, purtroppo, ad una o più vittime della violenza politica, del terrorismo e delle mafie. Persone – a volte bambini – troppo spesso dimenticate.

Nella nostra storia, dagli albori della Repubblica, diverse strategie terroristiche hanno causato una scia interminabile di vittime innocenti. Questa violenza aveva come obiettivo anche quello di spaventare la cittadinanza, inducendola a rinunciare alla partecipazione alla vita politica, sociale, culturale e facendo viceversa crescere una generale richiesta di sicurezza a discapito della libertà. In estrema sintesi: un modo per fare la guerra in tempo di pace.

A questo i cittadini italiani hanno reagito occupando le piazze, difendendo gli spazi della democrazia: noi, al tempo del coronavirus, vorremmo essere, come cittadini, nelle piazze virtuali per mostrare che il filo della memoria non si spezza. Stare in casa per una razionale necessità sanitaria, ovvero per senso civico, è giusto e necessario; ma crediamo che sia altrettanto giusto e necessario continuare a coltivare la memoria e la storia mantenendo attive, ove possibile, le nostre energie e il nostro impegno. Ognuno per quello che sa e può fare, pazientando, finché il problema non sarà risolto e potremo tornare ad abitare le nostre piazze, le nostre strade, i luoghi del lavoro e del tempo libero.

Abbiamo pensato di preparare, per alcuni dei prossimi anniversari (a partire dall’11 marzo), una clip dedicata alla vittima o alle vittime del giorno. Ogni clip terminerà con una sintetica biblio-sitografia a cura dell’associazione Piantiamolamemoria, per chi vorrà approfondire. La mattina di ogni anniversario pubblicheremo una clip sulla pagina Facebook di Piantiamolamemoria.

Partiremo con Francesco Lorusso, studente ucciso a Bologna l’11 marzo 1977. Chi fosse interessato a partecipare all’iniziativa può scrivere a piantiamolamemoria@gmail.com indicando quale memoria vorrebbe raccontare/adottare.

* Storica dell’età contemporanea

Memoriale Coronavirus

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La guerra al virus è dura, ma è dalle calamità che si ricavano insegnamenti utili

next
Articolo Successivo

Coronavirus, qualsiasi sia la distanza restiamo in contatto, ma evitiamo il contagio

next