“Devo parlare di un episodio tristissimo: due operatori sono stati denunciati perché vendevano abusivamente mascherine e guanti. Prodotti che fatichiamo a reperire per medici e infermieri. Un comportamento infame, come ha detto il presidente Bonaccini”. Sono le parole dell’ex assessore dell’Emilia-Romagna alla Sanità e attuale commissario ad acta per l’emergenza coronavirus, Stefano Venturi, che nel quotidiano punto sulla situazione in Regione ha parlato del caso, avvenuto a Parma, in cui un dipendente dell’Ausl e un operatore sanitario sono stati denunciati per aver rubato centinaia di presidi sanitari per poi rivenderli a prezzi alti in una sala slot. Nel video, in diretta su Facebook, è trasparita la rabbia di Venturi: “Non c’è una frase che possa descrivere comportamenti di questo tipo. È del tutto evidente che sul piano disciplinare queste persone non avranno alcuno sconto”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, gli aggiornamenti del presidente del Consiglio Conte: la diretta da Palazzo Chigi

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Bonafede riferisce in Aula i numeri delle rivolte: “Portate avanti da almeno 6000 detenuti. 12 sono morti e 16 ancora latitanti”

next