“Piuttosto che protrarre un’agonia che dura mesi, credo sia meglio arrivare a una chiusura totale, così da bloccare definitivamente il contagio”. Così il governatore della Regione Veneto Luca Zaia in una conferenza stampa trasmessa su Facebook per fare il punto sull’emergenza coronavirus. Il presidente fa quindi un passo indietro rispetto a quanto detto pochi giorni fa in merito ai decreti emessi dal governo, “troppo duri” per le province venete incluse nel dpcm dell’8 marzo, cioè Venezia, Padova e Treviso. Al momento è solo uno scenario, specifica Zaia, ma “è fondamentale isolare il virus, e più rallentiamo la velocità di contagio e più respiro diamo alle nostre strutture sanitarie”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Lombardia chiede stop a negozi e mezzi: “Ospedali reggono un’altra settimana”. Conte non esclude la serrata generale

next
Articolo Successivo

Coronavirus, ospedale Niguarda: “Falsa la selezione in base all’età. Presentata denuncia”

next