Chiara Ferragni e Fedez, anche detti The Ferragnez, con una donazione di 100mila euro hanno scatenato una solidarietà da record per l’ospedale San Raffaele di Milano.

La campagna GoFundMe, lanciata dai Ferragnez e destinata alla creazione di nuovi posti letto all’interno del reparto di terapia intensiva dell’Ospedale, mira a raccogliere fondi per affrontare l’emergenza sanitaria del Coronavirus in particolare per i reparti attualmente insufficienti a fronteggiare la crisi.

L’iniziativa è stata realizzata con la collaborazione del prof. Alberto Zangrillo, primario di terapia intensiva cardiovascolare e generale dell’ospedale San Raffaele di Milano e ha raccolto in pochissime ore 500mila euro (inclusa la donazione di 100mila effettuata dai promotori).

Un letto di terapia intensiva ha infatti un costo nettamente superiore rispetto a un letto di degenza normale. È necessario un monitor che rilevi le funzioni vitali del paziente, un ventilatore che assista la respirazione del malato e una serie di pompe infusionali per liquidi e farmaci.

Lo scopo di Chiara Ferragni e Fedez è quello di incentivare chiunque a dare un aiuto concreto a tutto lo staff dell’Ospedale San Raffaele di Milano, come ha spiegato la coppia in questo video.

Visualizza questo post su Instagram

La campagna nel frattempo continua a crescere a ritmi rapidissimi e siamo orgogliosi di poter supportare e ospitare sulla nostra piattaforma un’iniziativa tanto lodevole.

Memoriale Coronavirus

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Occidente abbiamo censurato la morte e ci siamo ridotti a fare la lista della spesa

next
Articolo Successivo

Sono andato al cinema e ho vissuto un’esperienza da fantascienza

next