Chiara Ferragni e Fedez, anche detti The Ferragnez, con una donazione di 100mila euro hanno scatenato una solidarietà da record per l’ospedale San Raffaele di Milano.

La campagna GoFundMe, lanciata dai Ferragnez e destinata alla creazione di nuovi posti letto all’interno del reparto di terapia intensiva dell’Ospedale, mira a raccogliere fondi per affrontare l’emergenza sanitaria del Coronavirus in particolare per i reparti attualmente insufficienti a fronteggiare la crisi.

L’iniziativa è stata realizzata con la collaborazione del prof. Alberto Zangrillo, primario di terapia intensiva cardiovascolare e generale dell’ospedale San Raffaele di Milano e ha raccolto in pochissime ore 500mila euro (inclusa la donazione di 100mila effettuata dai promotori).

Un letto di terapia intensiva ha infatti un costo nettamente superiore rispetto a un letto di degenza normale. È necessario un monitor che rilevi le funzioni vitali del paziente, un ventilatore che assista la respirazione del malato e una serie di pompe infusionali per liquidi e farmaci.

Lo scopo di Chiara Ferragni e Fedez è quello di incentivare chiunque a dare un aiuto concreto a tutto lo staff dell’Ospedale San Raffaele di Milano, come ha spiegato la coppia in questo video.

Visualizza questo post su Instagram

La campagna nel frattempo continua a crescere a ritmi rapidissimi e siamo orgogliosi di poter supportare e ospitare sulla nostra piattaforma un’iniziativa tanto lodevole.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Occidente abbiamo censurato la morte e ci siamo ridotti a fare la lista della spesa

next
Articolo Successivo

Sono andato al cinema e ho vissuto un’esperienza da fantascienza

next