Gli studenti dell’Istituto Prealpi di Saronno seguono le lezioni tramite Skype. La scuola aveva già sviluppato una modalità per la formazione a distanza, ma è stato il contagio da coronavirus e la conseguente chiusura delle strutture a rendere questa una necessità e non un plusvalore. Al momento sono oltre 400 i ragazzi che dalle loro case si collegano e seguono le lezioni ogni mattina dalle otto in poi. “Non è come essere fisicamente in classe, ma avendo la maturità dobbiamo darci da fare” spiega Alice Panara, studentessa dell’Istituo Prealpi. “Ho trovato in molti docenti la soddisfazione nel dire che c’è più adesione in classe virtuale che non in classe reale” sottolinea il dirigente scolastico Franco Marano che parla del 98% di adesione alle lezioni in questa settimana in cui le scuole in Lombardia sono chiuse.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, le scuole chiudono e si pensa alle lezioni online. Peccato che questo non accadrà

next
Articolo Successivo

Scuola, la Corte europea dà ragione a 70mila lavoratori Ata e apre la strada ai risarcimenti. I beneficiari possono essere migliaia

next