C’è un terzo caso di positività al coronavirus in Tribunale a Milano. Si tratta di un sostituto procuratore generale che nella notte tra mercoledì e giovedì ha avuto una crisi respiratoria ed è ora ricoverato – scrive il Corriere della Sera – in isolamento al Policlinico. Il nuovo contagiodopo i due di martedì nella Sesta sezione civile e in Misure di prevenzione – ha fatto scattare ulteriori misure nel Palazzo di Giustizia. Il terzo piano occupato dalla Procura Generale è stato isolato in attesa della sanificazione ed è probabile che i vertici decidano misure ancora più restrittive. L’ultimo contagio, infatti, a differenza dei primi due, per il tipo di lavoro svolto ha “moltissimi contatti” con i colleghi e gli avvocati.

Anche per questo oltre all’intero terzo piano bloccato è stata chiusa un’aula di Corte d’Appello dove si era tenuta un’udienza nella quale molte persone si erano trovate a contatto con il magistrato. E il prefetto Renato Saccone, dopo aver concordato l’intervento col ministero della Giustizia e aver parlato coi vertici degli uffici giudiziari, ha deciso di disporre una sanificazione di tutta la cittadella giudiziaria. L’intervento di sanificazione è già iniziato e riguarderà tutte le aule, le cancellerie e gli uffici del Palazzo, che resterà chiuso nel fine settimana, ma, da quanto si è saputo, saranno comunque garantiti i servizi minimi essenziali.

Intanto i medici dell’Ats stanno verificando tutti i contatti avuti dal sostituto procuratore generale negli scorsi giorni per stabilire le misure di prevenzione per i soggetti che hanno avuto rapporti con lui. Sono destinate quindi ad aumentare le persone messe in quarantena, dopo le 40 per le quali era già scattato l’isolamento fiduciario per i casi dei due giudici. Dopo la conferma dei due casi è stata decisa la sospensione dei processi civili ordinari fino ad aprile alla luce della “diminuzione delle risorse”, ossia del personale, giudici e personale amministrativo e diverse persone devono andare in autoisolamento ed essere monitorate. Si è creato un problema di diminuzione delle risorse, soprattutto nel settore civile.

Il provvedimento era stato ritenuto insufficiente dall’Ordine degli avvocati di Milano che chiede attraverso il presidente Vinicio Nardo il rinvio di tutte le udienze. Intanto gli avvocati della Camera penale di Milano hanno proclamato lo “stato di agitazione” e chiedono “la immediata sospensione, quantomeno fino al 16 marzo 2020, di tutta l’attività giudiziaria non urgente e il rinvio d’ufficio di ogni udienza, con esclusione dei procedimenti nei confronti di persone detenute, internate o in stato di custodia cautelare” per “limitare il più possibile nell’immediatezza, la frequentazione del Palazzo di Giustizia”.

Il Tribunale di Milano non è l’unico in cui si registrano contagi e casi sospetti. In mattinata il personale in servizio in due sezioni della Corte d’Appello a Napoli è stato invitato a tornare a casa, in via precauzionale, in attesa di notizie certe su un sospetto caso di contagio che potrebbe riguardare un magistrato di Corte d’Appello. Sull’ingresso di una delle sezioni è stato affisso un biglietto con la scritta: “Area chiusa, personale in isolamento”. E sono in corso due riunioni: la prima in Corte d’Appello, a cui stanno partecipando il presidente della Corte d’Appello e il procuratore generale, l’altra nella presidenza del Tribunale, con i tre rappresentanti della sicurezza.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, la diretta – I casi complessivi sono 3858: 148 morti, 351 pazienti in terapia intensiva e 414 i guariti. Mattarella: “Ansia controproducente, seguite le indicazioni del governo”

next
Articolo Successivo

Giulio Regeni, l’audizione dell’ambasciatore italiano in Egitto: “Domanda di giustizia fatta in ogni sede, continuare a fare pressione”

next