L’emergenza impone scelte immediate, alcune delle quali possono poi rivelarsi inutili, finanche dannose. Però ce n’è una che – possiamo dircelo – assomiglia a una polizza per il futuro.
Revocare quota cento e destinare quei soldi alla sanità pubblica significherebbe penalizzare alcuni italiani che attendono l’anticipo della pensione a vantaggio però di tutti gli altri. Quei soldi permetterebbero di aumentare da subito i posti letto, rimpinguare gli organici negli ospedali, aumentare il numero delle scuole di specializzazione, liberalizzare l’accesso agli studi di medicina. Sarebbe un provvedimento importante per l’oggi e assai prezioso per il domani. Sarebbe anche il modo di guadagnare un’opportunità dall’emergenza, farla vivere oltre i confini della necessità contingenti. Sarebbe un sacrificio possibile per chi ora è nelle condizioni di lasciare anticipatamente il lavoro. Certo, resterebbe l’ingiustizia di una impar condicio: alcuni sì altri no. Ma se potessimo valutare il peso delle cose ingiuste e il procedere del pericolo, nessuno potrebbe dire che questa non sia una misura di pubblica e urgente utilità, un atto di garanzia e di tutela erga omnes. C’è bisogno, quando una società è in affanno, di un di più di altruismo e generosità. In queste ore chiediamo ai medici e agli infermieri di dare il massimo, di fare il massimo.

Dare loro modo di fare il massimo sarebbe un minimo atto di coerenza e responsabilità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’istantanea – Noi italiani ce la stiamo cavando meglio di altri

next
Articolo Successivo

Coronavirus, non diteci bugie: solo quando la vita è in pericolo chiediamo la verità

next