Con sta storia del virus stiamo perdendo di vista le cose importanti. Tipo Morgan e Bugo.

A malincuore devo ammettere che questa battuta non è mia. Sulla home di un Facebook sempre più infettato da bufale, sciagure, complotti e tuttologi, è apparsa come una delle cose più divertenti. E più intelligenti.

Perché se ci pensate un attimo, se tornate con la memoria indietro a quell’epoca remota e pre-apocalittica in cui l’Italia non era lazzaretto, vi accorgerete che con Amadeus e Fiorello il coronavirus era scomparso, forse debellato. Se non dal mondo quantomeno da ciò che sappiamo del mondo. E tanto ci bastava.

I costumi di Achille Lauro, Diodato, i Pinguini, Georgina Ronaldo e Tiziano Ferro avevano distratto un Paese e così facendo l’avevano tranquillizzato. Col senno di poi, avevano fatto bene.
Oggi il coronavirus è una minaccia concreta, ed è sciocco sminuirlo parlando di febbricciola se la scienza è pronta a mettere in quarantena aree grandi quanto nazioni pur di contenerlo. Non sarà devastante, non sarà eccessivamente mortale – ma poi cosa vuol dire eccessivamente mortale? -, ma va gestito. Punto.

Solo che la fobia può essere peggiore del virus stesso. Paranoie, supermercati sventrati, coprifuoco, turismo in picchiata, isolamento internazionale, economia che non ride da tempo e che ora si appresta a piangere miseria. Siamo un Paese con bassa autostima e scarso amor proprio, capace di dividersi su tutto, speculare su tutto e farsi così più male di qualunque morbo.

Ma siamo anche un’Italia che con l’Ariston o la Nazionale in tv si ritrova. Fortuna che questo è l’anno degli Europei. Ma giugno è troppo in là: ci serve una distrazione prima. Ecco perché invoco un altro Sanremo, qualcos’altro di cui blaterare lasciando che chi è competente faccia il suo lavoro, senza allarmismi né approssimazioni. Quando mia madre doveva darmi una medicina, prima mi distraeva coi cartoni animati.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili