Tensione e scontri al confine tra Grecia e Turchia, dopo che Ankara ha permesso il trasferimento di centinaia di profughi e richiedenti asilo in risposta all’escalation con la Siria. La Grecia ha reagito blindando le frontiere. Chiuso il valico di terra a Kastanies Evros, dove la polizia ha sparato gas lacrimogeni contro i migranti, incluse famiglie con bambini, che cercavano di arrivare in Europa. Gli agenti in assetto antisommossa hanno usato anche granate stordenti per impedire l’ingresso di rifugiati. “Per tutta la notte le forze di sicurezza hanno impedito l’attraversamento illegale del confine”, ha dichiarato questa mattina il ministro della Difesa greco, Nikos Panagiotopoulos

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, gli Usa registrano la prima vittima. Parigi annulla la mezza maratona. In Russia tre studentesse italiane bloccate

next
Articolo Successivo

Afghanistan, accordo tra talebani e Usa: via le truppe entro 14 mesi. Pompeo: “Mantengano la promessa di una rottura con al Qaida”

next